Prime firme sul registro delle unioni civili: "Per noi una giornata semplice"

Loro sono Ivan e Ruffina, quarta coppia a firmare sul registro, convivono da un anno e sono una coppia normalissima

Ivan e Ruffina in Piazza Duomo (foto: Mesa Paniagua)

Nessun abito bianco, niente merletti, né organza. Solo tanta voglia di diritti anche se cambia poco, almeno praticamente. Ma non è il giorno per lamentarsi, oggi, 18 settembre 2012, all’anagrafe di via Larga, si è dato il via alle prime firme sul registro delle unioni civili. Coppie omosessuali o etero, poco importa. È questa la conquista.

Loro sono Ivan e Ruffina. Sono stata la quarta coppia a firmare sul registro. Lui, giacca grigia con righe chiare verticali, cravatta adolescenziale con Snoopy disegnato, lei, vestito nero, semplice. Sono sorpresi perché non si aspettavano quella resa di giornalisti e fotografi dentro l’ufficio. Per loro oggi è una semplice giornata. Li accompagniamo lungo la strada che dall’anagrafe porta in Duomo. Facciamo due chiacchiere.

Raccontateci chi siete?
Siamo di Milano, stiamo insieme da 12 anni. Conviviamo da uno. Ci siamo conosciuti nell’ambiente universitario, grazie ad alcuni amici comuni. Abbiamo 35 (lui) e 34 (lei) anni
 
Che cosa fate nella vita?
Abbiamo una caseificio nella zona di Varese. Produciamo formaggi e salumi. Lo facciamo insieme
 
Con l’unione civile cosa cambierà concretamente per voi?
Onestamente ancora non ci è del tutto chiaro. Siamo certi che avremo un po’ più di diritti rispetto a prima. Ci informeremo meglio dopo
 
 
Come mai non avete scelto il matrimonio? 
L’obiettivo è arrivare al matrimonio, ma per il momento per motivi economici il futuro è nebuloso e non riusciamo ad affrontare quella spesa. Oggi abbiamo anche un mutuo da pagare. Per questo motivo oggi con l’unione civile cerchiamo di abbreviare questa distanza
 
Matrimonio civile o cattolico?
Siamo entrambi credenti. Nel senso che abbiamo fatto un percorso cattolico ma abbiamo sviluppato una coscienza molto personale. La Chiesa è fatta di uomini e per molte ragioni noi non siamo in linea con le loro idee. Quindi per un discorso di coerenza sceglieremo il matrimonio civile  
 
Nel frattempo, da via Larga siamo arrivati in piazza Duomo. Scattiamo loro un’ultima foto con la cattedrale alle spalle e li salutiamo. Loro vanno ma vengono ancora fermati dalla stampa. Ivan e Ruffina devono però tornare a casa perché oggi si lavora, insieme, finalmente in maniera ufficiale. E se ne vanno, così come erano arrivati: metro rossa, questa volta direzione Rho.
 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento