rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca Rogoredo / Via Luigi Russolo

Chi è l'uomo morto mentre cercava di entrare nella sede Sky a Milano

Il dramma nella notte tra sabato e domenica. L'uomo è morto dopo essere stato fermato da due vigilantes

Trentaquattro anni, origini palermitane, una residenza in Lombardia e già noto alle forze dell'ordine. Ecco l'identikit dell'uomo, Giovanni Sala, morto nella notte tra sabato e domenica a Milano dopo essere stato fermato da due vigilantes mentre cercava di entrare nella sede Sky di via Rusolo. 

Stando a quanto finora ricostruito dagli investigatori della squadra mobile, guidati da Marco Calì, il 34enne - in forte stato di alterazione - avrebbe cercato di fare accesso nella zona riservata ai dipendenti e sarebbe stato fermato e contenuto dalle due guardie, che nel frattempo avevano allertato il 112. Il decesso è avvenuto proprio in quel frangente. Entrambi i vigilantes risultano adesso indagati per omicidio colposo. 

I primi a soccorrere l'uomo sono state le stesse guardie giurate: hanno cercato di rianimarlo - utilizzando anche il defibrillatore -, quando si sono resi conto che aveva smesso di respirare. Sul posto sono poi intervenuti i sanitari del 118 con un'ambulanza e un'auto medica, ma il 34enne è morto poco dopo l'arrivo al pronto soccorso del San Raffaele. 

Secondo i primi accertamenti, i vigilantes non avrebbero utilizzato né manganelli né armi. Uno dei due, nel tentativo di bloccarlo, lo avrebbe fatto cadere a terra e tenuto fermo con un ginocchio sulla schiena dopo che l'uomo si era denudato e aveva cercato, per la seconda volta, di entrare in Sky scavalcando la recinzione.

L'accaduto è stato registrato dalle telecamere a circuito chiuso della sede Sky e le immagini sono già state acquisite dagli investigatori. Il prossimo passo fondamentale sarà l'autopsia, che dovrà chiarire con più precisione la causa della morte del 34enne. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chi è l'uomo morto mentre cercava di entrare nella sede Sky a Milano

MilanoToday è in caricamento