menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il compagno le rompe il naso con un pugno ma lei non lo vuole denunciare

La vittima, completamente in balia dell’uomo, si era rifiutata di denunciarlo. La storia

Nonostante lui le avesse rotto il naso con un pugno non voleva denunciarlo. Per fortuna, grazie al padre di lei, la storia è uscita dalle mura di casa e il compagno violento è finito ora in manette.

L'ennesima storia di maltrattamenti in famiglia arriva da Pioltello (Milano), dove nel pomeriggio di mercoledì i militari della stazione carabinieri di Cassina de’ Pecchi hanno dato esecuzione ad un ordine di custodia cautelare emesso dal gip del Tribunale di Milano nei confronti di un 68enne italiano.

L'uomo è responsabile del reato di maltrattamenti contro familiari e lesioni aggravate nei confronti della compagna italiana, 44enne. I due nell’agosto 2020 avevano iniziato una relazione sentimentale che da subito si era trasformata, per la donna, in un incubo.

Doveva subire calci, pugni e offese di ogni genere. L'apice era arrivato il 15 marzo quando, nel corso dell’ennesima lite, la donna era stata colpita al volto con un pugno che le ha provocato la frattura del setto nasale, con una prognosi di 25 giorni. La vittima, completamente in balia dell’ex compagno, si era rifiutata di denunciarlo, ma suo padre ha informato i carabinieri dei fatti.

Così, a sua insaputa, in stretta sinergia con la procura della Repubblica di Milano, sono stati effettuati una serie di accertamenti che hanno evidenziato i maltrattamenti subiti dalla donna che - in breve tempo - hanno permesso l’emissione del provvedimento cautelare nei confronti dell’uomo che è stato rintracciato e immediatamente arrestato e trasferito alla casa circondariale di Milano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento