rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca

Vallanzasca "sta sempre peggio": chiesta la scarcerazione

L'ex boss della Comasina continua a stare male. E i suoi legali cercano di tirarlo fuori dal carcere

"Era imbambolato, stordito dalla malattia e dai farmaci". Il 4 maggio Renato Vallanzasca, 74 anni appena compiuti, ha festeggiato l'ennesimo compleanno dietro le sbarre del carcere di Bollate, dove sta scontando quattro ergastoli per rapine, omicidi e sequestro di persona. Chi lo ha incontrato, come riporta l'agenzia Agi, ha parlato di un uomo in evidente difficoltà, tanto che i legali stanno cercando ormai da tempo di tirarlo fuori di prigione. 

Le prossime settimane saranno decisive per il suo futuro dopo che nei mesi scorsi il Tribunale di Sorveglianza gli ha revocato i permessi per andare almeno una volta alla settimana in comunità terapeutica sostenendo che possa ricevere cure adeguate a Bollate. "Il 19 giugno discuteremo il reclamo contro questa decisione - ha spiegato all'agenzia l'avvocato Paolo Muzzi che lo assiste col collega Corrado Limentani -. Vallanzasca non ha mai dato problemi in quel contesto, ha sempre usufruito dei permessi in modo corretto e puntuale. Poi presenteremo un'istanza per avere i domiciliari sulla base dei documenti medici in possesso dello stesso carcere che certificano la sua malattia. Intanto abbiamo chiesto la nomina di un amministratore di sostegno e siamo in attesa che il giudice tutelare ci indichi chi dovrà occuparsi di lui. Il mondo di Vallanzasca è finito 40 anni fa e dopo 52 anni in carcere possiamo dire che lo Stato ha vinto, non ha bisogno di negargli la possibilità di curarsi al meglio". 

I medici di Opera, dove era in precedenza recluso, avevano parlato di "lento decadimento cognitivo". "Vorremmo che venga svolta una perizia sulle sue condizioni che in passato ci è stata negata anche perché la situazione si sta aggravando sempre di più", hanno concluso i difensori dell'ormai ex bandito della Comasina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vallanzasca "sta sempre peggio": chiesta la scarcerazione

MilanoToday è in caricamento