Raid vandalico nel Comune dell'hinterland: identificati 4 minorenni di Milano

I quattro avevano compiuto la loro "incursione" spostandosi nelle varie frazioni e distruggendo diverse cose, tra cui numerosi cartelli stradali

(dal sito ufficiale del Comune di Zibido San Giacomo)

Una serata all'insegna di scorribande per varie frazioni di Zibido San Giacomo, un Comune dell'hinterland sud di Milano. Protagonisti quattro minorenni di Milano, ora identificati dai carabinieri di Binasco e dalla polizia locale di Zibido. Uno di loro è stato denunciato: si tratta del "leader" del gruppo. Gli altri sono stati soltanto segnalati. Tutti e quattro risiedono a Milano.

Fondamentali per risalire ai baby vandali sono state le telecamere sparse sul territorio, 47 in tutto, grazie a cui le forze dell'ordine sono riuscite a risalire ai responsabili: si tratta di ragazzi che non frequentano abitualmente il territorio di Zibido San Giacomo, e che hanno compiuto un "raid" isolato. 

L'incursione è partita dalla frazione di Moirago, facile da raggiungere perché si trova sul Naviglio Pavese appena dopo Rozzano proveniendo da Milano. A Moirago i quattro hanno rotto la cartellonistica stradale, quella delle aree verdi, imbrattato muri e spaccato diverse cose, anche un muretto. Durante la serata si sono anche spostati fino alla frazione di San Giacomo per sfuggire ad una eventuale cattura e hanno concluso la loro serata con una rissa, probabilmente per contendersi una ragazza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Dal punto di vista della prevenzione – evidenzia il sindaco di Zibido San Giacomo, Piero Garbelli – abbiamo avviato dei percorsi sia nelle scuole sia all’interno del nostro Spazio Igloo proprio per prevenire i fenomeni di vandalismo, nella convinzione che accanto a interventi repressivi occorre soprattutto prevedere azioni educative e di collaborazione diretta, anche dei giovanissimi. Naturalmente non possiamo fare lo stesso per chi viene da altri Comuni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Ogni quanto bisogna pesarsi?

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: 29 morti e 84 nuovi casi ma pochi tamponi

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: tamponi quasi 'spariti', dati ininfluenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento