menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il mezzo danneggiato domenica

Il mezzo danneggiato domenica

L'ennesimo blitz del "vandalo del 118": 21enne denunciato, aveva già colpito l'anno scorso

Preso il vandalo che ha danneggiato un mezzo della Croce Verde. È lo stesso del 2019

Ancora lui. Di nuovo lui. I carabinieri hanno trovato e denunciato il vandalo che domenica scorsa si è divertito a sfondare il parabrezza di un'auto di soccorso della "croce verde Baggio", storica onlus  meneghina. Quel pomeriggio, il vetro di un mezzo dell'associazione era stato distrutto - probabilmente a pietrate - in piazza Stovani, a due passi dalla sede della CrV. 

Nei guai, indagato per danneggiamento, è finito un 21enne italiano con precedenti, che vive in zona. Si tratta dello stesso ragazzo che già nel 2019 era stato denunciato dai militari dopo una serie di blitz praticamente identici sempre messi a segno contro ambulanze e veicoli della Croce Verde. In un'occasione, dopo essere stato scoperto, il giovane aveva anche minacciato un medico con un coltello a serramanico. 

Dopo l'ultimo sfregio di domenica, i carabinieri della stazione San Cristoforo hanno subito dato il via alle indagini e si sono immediatamente concentrati sul 21enne. Una volta rintracciato e ascoltato, il ragazzo ha ammesso di aver danneggiato la macchina senza un particolare motivo. A incastrarlo ulteriormente ci hanno poi pensato le immagini delle telecamere di videosorveglianza, che lo hanno ripreso in azione. 

"Chi veste una divisa serve il paese. Chi colpisce un'associazione colpisce la cittadinanza", era stato lo sfogo dei volontari, che avevano usato le stesse parole anche dopo gli altri blitz. "Per l' ennesima volta, qualcuno si è accanito contro un mezzo della Croce Verde Baggio parcheggiato in Piazza Stovani, provocando danni significativi al mezzo e rendendolo momentaneamente inservibile", avevano spiegato dalla CrV. 

"Le nostre Associazioni non mollano mai e rimboccandosi le maniche si rimane lo stesso operativi. Essere disponibili e portare assistenza è la nostra missione anche contro la stupidità e la cattiveria del prossimo", avevano concluso dall'associazione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

Coronavirus

Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento