menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Vasca per il Seveso al parco Nord, la deputata Ue: "Fanghi contaminati dal covid-19"

Evi (M5S): "Ho interpellato la Commissione europea chiedendo se non sia da considerarsi necessario un aggiornamento della Valutazione di Impatto Ambientale"

Dopo gli animalisti e i residenti, un'altra voce si solleva contro la vasca di laminazione del Seveso al parco Nord, è quella dell'europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Eleonora Evi che parla anche di "fanghi potenzialmente contaminati da tracce di covid-19" e quindi di rischio per la salute pubblica. Per questo Evi avrebbe interpellato la Commissione europea.

"I lavori per la realizzazione della vasca - ha detto - devono essere interrotti: l’opera, che Regione Lombardia e Comune di Milano hanno deciso di costruire in uno dei pochi polmoni verdi nella zona a nord di Milano, presenta gravi rischi per la salute dei cittadini residenti nell’area circostante a causa della presenza di inquinanti chimici e cancerogeni nelle acque del fiume".

"Rischi che non sono stati adeguatamente valutati nell’ambito della Valutazione di Impatto Ambientale e che risultano ulteriormente aggravati dall’emergenza dovuta alla diffusione del covid-19. Infatti - ha spiegato Evi - i lavori di realizzazione dell’opera prevedono la movimentazione di fanghi potenzialmente contaminati da tracce di covid-19 e altri patogeni e il passaggio di mezzi pesanti che aumenterà fortemente i livelli di inquinamento da polveri sottili, laddove vari studi hanno dimostrato che alti livelli di particolato nell’aria possono aumentare la mortalità per infezione da covid-19".

Video: le proteste contro la vasca

"Se Comune di Milano e Regione Lombardia sono sordi alle esigenze dei cittadini altrettanto non può esserlo l’Europa. Per questo ho interpellato la Commissione europea chiedendo se non sia da considerarsi necessario un aggiornamento della Valutazione di Impatto Ambientale, soprattutto alla luce delle mutate condizioni sanitarie legate all’emergenza. Io rimango al fianco dei cittadini che da anni si battono contro questo progetto scellerato e antistorico, un’opera che, non solo non risolve il problema delle esondazioni del Seveso, ma rappresenta anche un attentato alla salute pubblica", conclude Evi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento