menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il cantiere in via Appennini (foto No Canal)

Il cantiere in via Appennini (foto No Canal)

Via d'Acqua, i comitati: "Lavori per arrivare direttamente nei parchi"

La denuncia: il cantiere sarebbe pronto a bucare il terreno per dodici metri, ben oltre la profondità dell'Olona

Nuovo allarme sulla via d'acqua. Il comitato No Canal annuncia volantinaggi nei parchi di Trenno e Pertini per domenica 31 agosto e comunica che, negli ultimi giorni, sono stati aperti alcuni cantieri. La versione ufficiale della società Expo 2015 Spa è che i lavori siano legati allo svuotamento del laghetto del sito di Expo nell'Olona, ma i No Canal temono che ci sia dell'altro.

Il 25 febbraio era stato promesso un "Piano B" entro venti giorni, alternativo all'ipotesi della via d'acqua scoperta lungo i parchi della periferia ovest. Quel piano non è mai stato comunicato ma i contenuti di massima sono noti: l'interramento del canale (con vasche di grandi dimensioni) nei parchi Pertini e Trenno e il proseguimento a cielo scoperto lungo il parco delle Cave (molto vicino a zone altamente contaminate) fino al Naviglio Grande.

Il comitato No Canal in particolare denuncia che in via Appennini sarebbero state posizionate gabbie di ferro da 12 metri, mentre la parte più bassa dell'Olona è a meno di 5 metri dalla quota stradale. "Scavare di più vuol dire passare oltre il fiume", nota il comitato, "e scavare a 12 metri consente anche di attraversare la galleria del metrò che scorre a una profondità massima di sette metri e mezzo, chiaramente per arrivare direttamente nei parchi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento