rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

E' ancora paura in via Padova: accoltellato un marocchino

A dodici giorni dall'omicidio del 19enne egiziano e della conseguente rivolta, nel quartiere multietnico si risfiora la tragedia. Ieri è stato accoltellato un marocchino, ridotto in fin di vita

Si moltiplicano i vertici sulla sicurezza e il Ministero dell'Interno ha mandato centinaia di uomini in più per monitorare la delicata situazione in via Padova. Tuttavia, nel quartiere multietnico, continuano le risse tra immigrati e si risfiora la tragedia. Ieri sera è stato accoltellato un marocchino, salvo per miracolo dopo esser stato portato di corsa in ospedale.

Sono passati solo dodici giorni dall' omicidio del giovane egiziano dalla successiva rivolta, ma a quanto pare ci sono ancora "questioni irrisolte" tra le diverse etnie che abitano la zona più discussa della città. Probabilmente in una lite o una rissa tra stranieri, è stato un marocchino, questa volta, che ha visto la morte in faccia prima che le sue condizioni migliorassero grazie alle cure dei medici.

E' accaduto in via Clitumno (all'angolo con via Padova) a poca distanza da dove è stato accoltellato l'egiziano il 13 febbraio scorso. Il giovane ferito è un ventunenne irregolare, ha precedenti per furto e stupefacenti. Secondo le prime notizie l'uomo sarebbe stato accoltellato altrove, dato che ci sarebbero segni di un suo trascinarsi per strada.

I rilievi sono resi difficili dalla pioggia ma l'accoltellamento potrebbe essere avvenuto nelle immediate vicinanze del luogo in cui è stato soccorso il ferito, forse nell'androne di un palazzo, dove sono state trovate tracce di sangue. Così, ad appena dodici giorni dall'omicidio di Ahmed Abdel Aziz El Sayed - 19enne la cui morte ha innescato la rivolta e dopo che i presunti responsabili, tre dominicani di 31, 19 e 18 anni, erano stati assicurati alla giustizia in meno di una settimana dalla polizia, a poca distanza da piazzale Loreto - i timori riaffiorano in tutta la loro gravità.


"Da troppi anni l'assenza dello Stato e delle istituzioni ha trasformato via Padova in un fortino dell'illegalità, una zona extraterritoriale fuori controllo - ha detto Filippo Penati, candidato presidente alla Regione Lombardia - Sbaglia chi in questi giorni ha sottovalutato quello che sta succedendo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' ancora paura in via Padova: accoltellato un marocchino

MilanoToday è in caricamento