rotate-mobile
Cronaca Carugate

Cartello con insulti shock al disabile che lo ha fatto multare: ecco l’automobilista in azione

Nelle immagini delle telecamere del parcheggio si vede l’uomo che sistema il cartello

Uno paio di sguardi rapidi per osservare che non ci sia nessuno nei paraggi. Poi, il gesto veloce per lasciare lì il suo ignobile pensiero e la rapida fuga, convinto di non essere stato visto da nessuno. Purtroppo per lui, però, a immortalare la sua azione ci hanno pensato le telecamere di sicurezza del parcheggio, a cui il suo volto non è sfuggito. 

È stato filmato e identificato l’uomo che la sera del 18 agosto scorso ha lasciato nei sotterranei del centro commerciale Carosello di Carugate un cartello colmo di odio e disprezzo verso i disabili. A causare la rabbia dell’automobilista una multa da sessanta euro presa proprio per aver lasciato l'auto in sosta nello spazio riservato ai disabili e la convinzione - errata - che ad avvertire i vigili fosse stato proprio un disabile. 

Insulti al disabile: autista incastrato da questo video

cartello insulti disabile video-2

"A te handiccappato - si leggeva sul foglio, con tanto di orrore ortografico - che ieri hai chiamato i vigili per non fare due metri in più vorrei dirti questo. A me 60 euro non cambiano nulla, ma tu rimani sempre un povero handiccappato - altro errore -. Sono contento che ti sia capitata questa disgrazia". 

Nelle immagini in possesso della procura di Monza - che ha aperto un fascicolo per “diffamazione aggravata” - si vede chiaramente un uomo con bermuda neri e maglietta gialla che si avvicina al punto in cui è stato ritrovato il cartello, lascia qualcosa e va via. Nel video si scorge il volto dell'automobilista e la polizia - lo stesso Questore di Milano, Marcello Cardona, aveva subito chiesto alle Volanti di intervenire - è ormai riuscita a identificarlo. 

Proprio in Questura, venerdì mattina, sono arrivati alcuni esponenti di Ledha - Lega per i diritti delle persone con disabilità - che hanno deciso di presentare denuncia contro l’automobilista. 

“Queste parole rappresentano una gravissima offesa per tutte le persone con disabilità. Siamo di fronte a una violenza verbale gratuita e assolutamente immotivata - ha spiegato il vicepresidente dell’associazione, Marco Faini -. Uno degli obiettivi statutari dell’associazione è proprio quello del rispetto dei diritti delle persone con disabilità e dei loro familiari. Per questo motivo abbiamo deciso di ricorrere alle vie legali”.

“Auspichiamo che l’autore di questo gesto venga individuato e sanzionato in base ai termini previsti dalla legge - ha aggiunto Faini -. A prescindere dall’esito dell’iter giudiziario di questa vicenda, vorremmo che l'autore di questo gesto trovasse il coraggio di chiedere scusa. E vorremmo soprattutto che venisse a trovarci - ha concluso - per conoscere veramente il mondo delle persone con disabilità”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cartello con insulti shock al disabile che lo ha fatto multare: ecco l’automobilista in azione

MilanoToday è in caricamento