Mega rissa a colpi di cestelli al supermercato perché non indossano la mascherina: il video

Maxi rissa all'Ipercoop di Crema: due clienti hanno scatenato una zuffa contro i dipendenti

La rissa

Mega rissa all'Ipercoop di Crema nel pomeriggio di domenica, tutto colpa di un rimprovero per una mascherina non indossata. A denunciare l'accaduto - con tanto di video della lite - è Francesco Iacovone, sindacalista dell'esecutivo Cobas nazionale.

Video: la mega rissa all'Ipercoop di Crema

"Nel tardo pomeriggio di domenica si è scatenata una maxi rissa in un ipermercato di Crema (Cremona). Il video che abbiamo ricevuto dai lavoratori è spaventoso". Nelle immagini si vedono cestelli della spesa lanciati contro la gente, pugni, spintoni e si sentono le urla dei dipendenti e dei clienti spaventati. 

A scatenare la bagarre sarebbe stato il rifiuto da parte di due uomini di indossare la mascherina anti covid-19. Per bloccarli, dopo un primo tentativo da parte della sicurezza privata, è intervenuta una pattuglia della polizia.

Il video della rissa al supermercato di Crema

"Il covid-19 ringrazia la gentile clientela - scrive Iacovone -. Questo è quanto accade nei luoghi del commercio tutti i giorni e milioni di lavoratori restano esposti al rischio di contagio e alla possibilità di aggressione da parte dei negazionisti della pandemia. Non c'è più tempo. Le segnalazioni dei lavoratori hanno frequenza ormai quotidiana e il rischio di contagio, sommato a quello di aggressione, devono essere contenuti dalle istituzioni di questo Paese".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rappresentante sindacale prosegue: "La retorica degli eroi, quelli in prima linea durante il lockdown, non serve per lavorare in serenità. Servono invece contingentamenti agli ingressi, mascherine e controlli stringenti. Oltre alla crisi sanitaria siamo di fronte a un vero e proprio problema di ordine pubblico che deve essere affrontato con vigore dal governo, attraverso i ministri competenti e i prefetti", conclude Iacovone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: lockdown totale per Milano e la Lombardia? Fontana smentisce

  • Anche a Milano esplode la rabbia, rivolta anti Dpcm: molotov, bombe e assalto alla regione

  • Lockdown a Milano? Lunedì si decide il futuro della Lombardia. Ecco la situazione

  • Follia a Il Centro di Arese, fratelli aggrediscono i carabinieri: "Infame, adesso ti taglio la gola"

  • Lombardia, nuova ordinanza: confermato il coprifuoco, recepite le regole del Dpcm

  • Bollettino coronavirus: 5mila contagi in Lombardia, boom di ricoveri. Ecco la situazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento