menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Filmati degli stupri di Genovese offerti alle tv per 30mila euro: indagati due consulenti

I due hanno cercato di vendere alle tv le immagini da Terrazza Sentimento. Il caso

Appropriazione indebita qualificata. È l'accusa a cui devono rispondere due collaboratori di una società che ha effettuato una consulenza sui filmati delle telecamere a circuito chiuso di 'Terrazza Sentimento', l'attico di Alberto Genovese, l'ex fondatore di Facile.it che si trova in cella a San Vittore perché ritenuto responsabile di una violenza sessuale su una 18enne - avvenuto proprio nell'attico vista Duomo - e su una 23enne, che sarebbe avvenuto a Ibiza. 

I due sono lavoratori di una ditta a cui si erano affidati i difensori dell'imprenditore per una consulenza sulle immagini. Gli indagati avrebbero quindi scaricato i video e avrebbero poi cercato di vendere le immagini a dei programmi tv - Giletti e le Iene avevano denunciato il fatto pubblicamente - in cambio di 30mila euro. 

Il fascicolo sulla tentata vendita delle clip era stata aperto nei giorni scorsi dai pm Letizia Mannella e Rosaria Stagnaro, già titolari dell'inchiesta sui presunti abusi contestati all'imprenditore. I video al centro dell'inchiesta riguardano le immagini delle presunta violenza ai danni della 18enne tra il 10 e l'11 ottobre scorso, per la quale Genovese era poi stato arrestato prima di essere accusato, più tardi, di un secondo stupro avvenuto a Ibiza l'estate precedente.

Per quella seconda accusa nei giorni scorsi c'è stata una "integrazione" della misura cautelare della custodia in carcere per Genovese. I magistrati hanno invece ravvisato troppe incongruenze per le denunce di altre due ragazze, quelle che tra l'altro si erano mediaticamente esposte. Genovese, intanto, ha chiesto, senza successo, i domiciliari per curarsi dalla tossicodipendenza da cocaina e, interrogato, ha negato gli stupri affermando che le ragazze erano consapevoli che le feste fossero dei "droga party" e consenzienti per i rapporti sessuali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento