rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca

Il verdetto della perizia: minorenne il rom che investì il vigile

Sarà processato dal tribunale dei minori perché esiste il serio dubbio che fosse effettivamente minorenne, come reclama il suo legale, al momento dell'omicidio

Non era maggiorenne e sarà dunque processato dal tribunale dei minori il nomade accusato di avere ucciso Niccolò Savarino, il vigile urbano, travolgendolo con un Suv il 12 gennaio. Questo almeno stando all'ultima decisiva perizia, dopo mesi di tira e molla sull'argomento. La consulenza (disposta dai magistrati minorili) ha accertato che, verosimilmente, il rom aveva 17 anni al momento dell'omicidio. R.N., queste le iniziali, attualmente è rinchiuso nel carcere minorile Beccaria dopo avere passato circa due mesi a San Vittore.

Inizialmente era stato considerato maggiorenne al momento del fatto: così il gip e il riesame. Poi la procura, dopo avere visionato alcuni documenti prodotti dal legale del ragazzo, aveva stabilito di trasferire l'inchiesta al tribunae dei minori.

Secondo l'ultima perizia il ragazzo potrebbe avere dai 17 anni e mezzo ai 20, pertanto esiste la seria possibilità che fosse minorenne il 12 gennaio. Secondo la difesa, ha compiuto da poco 18 anni essendo nato nel maggio del 1994.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il verdetto della perizia: minorenne il rom che investì il vigile

MilanoToday è in caricamento