rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca

Milano, 36 vigili precari non verranno assunti. La protesta dei sindacati

"Colpa" di un provvedimento del governo che, nel trasferire la polizia provinciale a comuni e regioni, impedirebbe a questi enti di assumere nuovo personale. Ma le cose non sono così semplici

Scoppia il caso dei vigili urbani assunti per Expo 2015, trentasei in tutto, che - dopo il 31 dicembre - dovranno trovare un altro lavoro. Non che avessero ricevuto grandi promesse, ma le condizioni di partenza sembravano ben più favorevoli della conclusione che si è venuta a generare.

Gli agenti in questione hanno preso servizio a luglio, ad esposizione ormai iniziata, e - come racconta il Corriere - provengono da una graduatoria formata con il concorso del 2014, a cui presero parte circa 15 mila aspiranti "ghisa", e che era servito anche a selezionare 14 agenti a tempo indeterminato.

Nel mese di agosto, il governo ha stabilito che gli agenti di polizia provinciale sarebbero stati ricollocati nelle regioni e nei comuni, con l'ovvia conseguenza che questi enti non potranno assumere personale. O almeno così l'ha interpretato il comune di Milano. I sindacati non sono d'accordo e spiegano che vi sarebbero pareri scritti e circolari che provano che è possibile assumere comunque a tempo indeterminato, ad esempio così fanno nel comune di Parma. Oltretutto considerando che a Milano i "ghisa" mancherebbero davvero.

Ciliegina sulla torta: i soldi spesi per questi 36 agenti. Si parla di 33 mila euro per formarli e 28 mila euro per le divise estive, oltre al costo del maxi concorso (56 mila euro).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, 36 vigili precari non verranno assunti. La protesta dei sindacati

MilanoToday è in caricamento