rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca

Vigili di quartiere a Milano, ecco dove saranno nel 2017

Il documento votato all'unanimità in consiglio comunale

Nuovi vigili di quartiere in zone periferiche. Il consiglio comunale, all'unanimità, ha approvato un elenco (nutritissimo) di strade in cui concentrare le pattuglie di polizia locale nel 2017, sulla base di una mozione-elenco di Forza Italia poi ampliata con il contributo di altri partiti. 

E' noto che, in piazza Beccaria, stiano studiando un "piano" per riorganizzare un servizio che oggi impiega circa 350 agenti e che doveva essere, nelle intenzioni, il rimedio alla richiesta di sicurezza da parte dei cittadini. Il nuovo assessore Carmela Rozza ha già annunciato che, contrariamente ad oggi, in futuro i vigili di quartiere saranno maggiormente concentrati in punti critici della città, per ottimizzare le risorse in campo ed evitare che il servizio sia troppo dispersivo.

L'obiettivo finale, già spiegato dalla Rozza, è quello di avere squadre di quattro o cinque agenti che presidieranno i punti scelti da mattina a sera. Ma scelti come? La Rozza aveva affermato di preferire un confronto con i presidenti dei nove Municipi, in modo da scegliere insieme a chi rappresenta i territori periferici.

In questo solco va però ad inserirsi questa mozione a Palazzo Marino che, di fatto, già impegna la giunta a far presidiare strade specifiche dai vigili di quartiere. Intendiamoci: in massima parte sarebbero state scelte anche dai presidenti di Municipio. Si vedrà ora però in che modo verrà combinata la mozione-elenco con il necessario dialogo con i "parlamentini".

Ed ecco le strade indicate sulla mozione dei consiglieri comunali: il quartiere Montalbino (Istria-Caserta-Nizza), Santa Giulia, Baggio (via Forze Armate), via Adriano e via Padova, via Giambellino e via Tolstoj, il "quadrilatero" di San Siro e via Teramo (Barona). Queste le strade proposte da Forza Italia. Ad esse si sono aggiunte il quartiere Gratosoglio e via Bolla (su proposta della Lega) e viale Rimembranze di Lambrate (su proposta del Movimento 5 Stelle), e poi via Quarti, via Salomone, la macro-zona da San Leonardo a viale Certosa, via Cima e via Pitteri, via Rizzoli, via Rubattino e via Rombon, via Porpora, via Gola, via Odazio, via Segneri, piazza Tirana e via Balestra (tutte proposte dalla maggioranza di centrosinistra). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili di quartiere a Milano, ecco dove saranno nel 2017

MilanoToday è in caricamento