rotate-mobile
Cronaca

Violenza sulle donne, aumentano le vittime che chiedono aiuto

La fondazione Somaschi gestisce dodici presidi di auto tra Milano e hinterland. L'importanza di coinvolgere la comunità

Aumentano le donne che chiedono aiuto presso i dodici presidi antiviolenza gestiti da Fondazione Somaschi tra Milano e l'hinterland. Sono state 530 da gennaio a novembre 2021, contro le 491 nello stesso periodo del 2020. Ed è cresciuto anche il numero di vittime di violenza per cui è stato necessario avviare una protezione nelle case rifiugio: accolte 31 donne con 39 minori, mentre nel 2020 erano state 27 con 33 minori. Diminuiscono in percentuale le donne italiane rispetto al totale: dal 62% alla metà. Quattro su dieci hanno un'occupazione, altrettante figli minori conviventi. Tra le fasce d'età, quella prevalente è tra i 36 e i 45 anni (24%), poi quella tra i 46 e i 55 anni (16%). L'8% ha tra i 18 e i 25 anni, con percentuale in crescita rispetto al 2020.

La violenza più denunciata (nel 76% dei casi) è quella psicologica ma, nella maggior parte dei casi, le violenze sono diverse e concomitanti. C'è violenza fisica nel 64% delle situazioni denunciate. I casi di stalking passano dal 9 al 18%, mentre aumentano i casi di violenza economica (dal 16 al 19%) e sessuale (dal 12 al 16%). Così come sono in aumento i casi di violenza a cui sono costretti ad assistere i figli: più di uno su tre. A commettere violenza è, nella stragrande maggioranza delle situazioni, uno stretto parente. Si tratta del marito nel 30% dei casi, del convivente nel 14% dei casi, di familiari (genitori, figli, altri parenti) nel 12% dei casi.

"Coinvolgere la comunità"

"Questi dati dimostrano che la violenza di genere è un fenomeno intergenerazionale, addirittura si è rivolta a noi una donna di 83 anni - afferma Chiara Sainaghi, responsabile dei centri antiviolenza di Fondazione Somaschi -, ed è un fenomeno che avviene per lo più nell'ambito di relazioni sentimentali e familiari. Quasi sempre in principio c'è una progressiva privazione di libertà: dal controllo del telefono, dell'abbigliamento, alla richiesta di attenzioni esclusive. In questa fase la donna fatica a rendersi conto di essere già in pericolo e la consapevolezza della violenza arriva quando è ormai troppo tardi. Intervenire nell'emergenza non basta, è necessario agire il più possibile sul fronte della prevenzione e della sensibilizzazione, coinvolgendo tutta la comunità. Chiunque può diventare una sentinella preziosa contro la violenza".

Il progetto Uomo

Fondazione Somaschi, da tempo attiva a Milano con il gruppo di rehab Nonpiùviolenti, condotto da uno psichiatra e uno psicoterapeuta, da aprile 2021 fa parte della cordata di associazioni esperte cui è affidato il progetto Uomo (Uomini, Orientamento e Monitoraggio), iniziativa sperimentale che punta sul trattamento degli uomini violenti, finanziata da Regione Lombardia e con la regia di Ats Città Metropolitana di Milano. A Milano e nelle zone limitrofe la fondazione gestisce dodici presidi di aiuto per le donne vittima di maltrattamento: un centro antiviolenza a Milano (in piazza XXV Aprile), cinque centri principali (a Rho, Cassano d'Adda, Melzo, Corsico e San Donato Milanese) e sei sportelli decentrati (a Bollate, Cernusco Sul Naviglio, Trezzano Rosa, Pioltello, Assago, Peschiera Borromeo). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sulle donne, aumentano le vittime che chiedono aiuto

MilanoToday è in caricamento