menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Adescata in stazione centrale

Adescata in stazione centrale

20enne violentata per quasi 24 ore, la dinamica e gli arresti

Doveva incontrare a Milano il suo ragazzo, che era in ritardo. Circuita, portata in un casolare e violentata ripetutamente. Poi torna in Centrale e descrive tutto alla Polfer

Ha 20 anni la ragazza romena violentata da due suoi connazionali che l'avevano "agganciata" alla stazione centrale di Milano. Lei era arrivata a Milano da Verona, dove lavora come baby sitter, alle 22.45. Doveva incontrare il suo fidanzato, proveniente da Piacenza, che però era in ritardo di circa tre ore (video dei luoghi della violenza e di un arresto).

La ragazza aveva quindi davanti una lunga attesa. I due si sono mostrati gentili e disponibili nei suoi confronti: la donna aveva con sé una sim telefonica ma non il cellulare e, dopo aver chiesto a lungo ai passanti senza successo, i due le avevano prestato un telefonino. Poi si erano allontanati. Alcuni minuti più tardi, però, ritornano e la convincono a salire su un convoglio per Monza: offrendole di dormire presso una loro fantomatica conoscente. Nel frattempo il suo ragazzo arriva a Milano e, non trovandola, inizia una ricerca che nel corso delle ore si fa sempre più disperata.

La giovane intanto viene portata in un casolare dove i due abusano a lungo di lei pestandola a sangue con una catena e con calci e pugni. Il giorno dopo uno di loro la porta dentro un container dove prosegue lo stupro. Infine, la sera, i due aguzzini la riportano in stazione a Monza. Lei prende un treno per la Centrale di Milano e, appena arrivata, si reca dalla polizia ferroviaria per sporgere denuncia. Lì ritrova il suo fidanzato, che la stava ancora cercando.

Agli agenti la 20enne descrive con precisione le situazioni, le scene, i luoghi. La polizia risale facilmente ai due malviventi e, tra il 7 e l'8 marzo, li arresta. Sono entrambi ufficialmente senza fissa dimora, uno (32enne) con precedenti per violenza sessuale, l'altro (34enne) per reati contro il patrimonio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento