rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Porta Lodovica / Via Salasco

Sparatoria a Milano: folle fa fuoco in un garage e viene ucciso

L'uomo, 72 anni, per cause da chiarire ha prima sparato al custode, poi ha ingaggiato un conflitto a fuoco con gli agenti. E' morto all'Humanitas di Rozzano in serata

Non si è ancora capito cosa sia scattato nella mente un settantaduenne milanese, Vittorio Tonini, che venerdì pomeriggio, 18 gennaio, ha sparato all'interno di un garage nella centrale e affollata zona di Porta Romana ferendo il portiere, causando l'incendio dell'autorimessa e ingaggiando poi un conflitto a fuoco con alcuni agenti di polizia che lo hanno ferito e bloccato.

L'uomo è poi deceduto in serata all'ospedale. Di certo, però, per i molti cittadini che a quell'ora di rientro dagli uffici passavano per la strada, via Salasco, ci sono stati lunghi minuti di paura. Alla fine il bilancio è di un morto, l'aggressore, e un ferito, Carmelo Costantino, di 65 anni, originario di Palermo, che versa in condizioni gravissime.

VIDEO DAL LUOGO DELLA SPARATORIA

Il dipendente è stato raggiunto da due colpi all'addome ed è stato trasportato dal 118 in codice rosso all'ospedale S.Paolo. Il 72enne era ricoverato all'Humanitas di Rozzano.

Secondo la ricostruzione della polizia, l'anziano, poco prima delle 18, è entrato nel garage in via Salasco 20 con un furgone. A questo punto, non si sa se nel corso di una lite, o proditoriamente, ha esploso ripetuti colpi di pistola, due dei quali hanno ferito il custode, e gli altri (non si sa ancora esattamente quanti) hanno raggiunto alcune auto parcheggiate nel garage provocando un incendio nel quale sono rimaste bruciate quattro vetture e parte dell'autorimessa.

Sparatoria via Salasco © Mesa Paniagua/MilanoToday

Il fumo che cominciava a uscire dal seminterrato e l'eco degli spari hanno scatenato il panico tra i passanti. Molte le chiamate al 113, che ha inviato sul posto diverse pattuglie. L'uomo, ancora all'interno del garage, ha brevemente parlamentato con alcuni dei poliziotti, ma poi la trattativa è stata bruscamente interrotta e ha sparato anche contro di essi, che hanno risposto al fuoco, ferendolo: un breve ma inteso scambio di colpi, una ventina in tutto.

"Stavo uscendo dal portone di casa, quando ho sentito degli spari, tre o quattro credo, e le urla di una persona che scappava spaventata. Poi mi sono richiuso dentro per qualche minuto, e quando sono sceso in strada ho visto il garage in fiamme".

L'uomo ha un vecchio precedente per insolvenza fraudolenta di vent'anni fa, aveva con sé una pistole con due caricatori e un'altra risulta da lui denunciata (ma non l'aveva con sé).

A Milano non si tratta del primo episodio grave degli ultimi mesi. Nel settembre scorso, in Via Muratori, ci fu l'esecuzione in strada di un uomo e una donna, tra la gente, duplice omicidio ancora irrisolto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria a Milano: folle fa fuoco in un garage e viene ucciso

MilanoToday è in caricamento