Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Il volontario del Pd aggredito dall'esponente di estrema destra a Milano

L'attivista, secondo il Pd, è stato aggredito da Jonghi Lavarini Roberto, esponente dell'estrema destra milanese detto 'il barone nero'

Un volontario del Partito democratico sarebbe stato aggredito durante la sua attività di volantinaggio da un esponente dell'estrema destra milanese. L'attivista del Pd, V.G., è finito in ospedale da dove è stato dimesso con 10 giorni di prognosi. Lo denunciano in coro Silvia Roggiani, segretaria metropolitana del Pd Milano e la candida del Pd al Consiglio comunale, Monica Romano, presente al momento del fattaccio.

"Questa mattina (martedì, ndr) - ha detto Roggiani - durante un volantinaggio presso un banchetto a cui era presente la candida del Pd al Consiglio comunale Monica Romano, al mercato di via Benedetto Marcello, un volontario, V. G., è stato minacciato con frasi 'ti vengo a cercare', poi afferrato e strattonato in maniera violenta da Jonghi Lavarini Roberto, esponente dell'estrema destra milanese detto 'il barone nero', noto alle cronache per una condanna per apologia di fascismo, che accompagnava Mattia Ferrarese, candidato di Fratelli d'Italia al Municipio 3. Lavarini ha aggredito V.G. dopo che quest'ultimo ricevendo un volantino dal candidato di Fdi lo ha accartocciato". 

Sull'episodio, secondo quanto dichiarato dalla segretaria metropolitana, la polizia locale, presente a pochi metri di distanza, ha verbalizzato quanto loro riferito dal volontario. "Quanto accaduto è sconcertante e grave. Innanzitutto ci tengo ad esprimere la solidarietà di tutto il Partito democratico a questo ragazzo, a cui va anche un nostro sincero abbraccio. Non è tollerabile essere minacciati e aggrediti per strada per motivi politici, e ancor di più è inaccettabile che ci siano candidati che non provano imbarazzo ad accompagnarsi a persone che si dichiarano nostalgiche del ventennio. Questi metodi non appartengono alla civile e normale dialettica democratica: noi non ci lasciamo intimidire e andiamo avanti a fare politica a testa alta e alla luce del sole". 

Volontario del Pd aggredito a Milano 

"Ho aspettato a pubblicare questo video, girato stamattina (martedì, ndr), perché volevo essere sicura di fare la cosa migliore. Dopo essermi confrontata prima con il ragazzo vittima dell’aggressione e poi con il Partito democratico di Milano, ho deciso che la cosa migliore è denunciare pubblicamente quanto è successo. Questa mattina mi trovavo al mercato in Benedetto Marcello con due volontari che mi stanno aiutando per la campagna elettorale e, all’improvviso, uno di loro ha raccontato di essere stato aggredito da un esponente dell’estrema destra milanese", la ricostruzione di Romano sul suo canale Facebook.

VIDEO. Volontario PD aggredito da un neo fascista

"Sono allibita da ciò che è successo e ancora scossa, ma non è niente rispetto a ciò che V.G., il mio sostenitore che ha avuto ben 10 giorni di prognosi in ospedale, ha subito. Questo ovviamente non fermerà la nostra campagna che riprenderà ancora più tosta per il rush finale, ma lascia noi tutti e tutte allibiti e sgomenti, perché in una città come Milano - medaglia d’oro per la Resistenza - non ci si aspetta di essere aggrediti fisicamente per motivi politici", ha concluso.

La replica: "Siamo stati aggrediti noi"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il volontario del Pd aggredito dall'esponente di estrema destra a Milano

MilanoToday è in caricamento