Riapre a Milano lo storico ristorante 'Alfredo', re della cotoletta

Negli anni Settanta arrivò ad avere una stella Michelin. L'investimento di 3 imprenditori

La vetrina

Ha riaperto a Milano nei giorni scorsi lo storico ristorante 'Alfredo', in via Giuseppe Antonio Borgese 14. Tra gli anni '60 e '70 Alfredo Valli era conosciuto come il "re della cotoletta" e nel 1968 conquistò una stella Michelin. La sua cucina è talmente famosa che in pochi anni divenne il luogo cult della dolce vita meneghina: ai tavoli cenavano abitualmente Maria Callas e Mario Soldati.

Ne scrisse il New York Times nel 1990. Nel 2002 Valli morì, i figli presero in gestione per un po' il ristorante ma poi lo chiusero e si concentrarono su altre attività. Intanto Milano cambia e la zona intorno a via Borgese (Sempione) si trasformò e divenne parte della Chinatown: nacquero nuove attività, aprirono nuovi ristoranti ma il Gran San Bernardo, forse schiacciato dalla sua stessa antica fama, rimane chiuso. Fino ad oggi, quando tre imprenditori già nel settore della ristorazione decidono di rilevarlo.

DNA_3467-2

"Quando da ragazzino muovevo i miei primi passi fra le sale e i ristoranti della città, al mio ritorno passavo sempre davanti a questo ristorante sognando di poterci entrare un giorno. Mai avrei pensato di farlo mio, forse è stato il destino, fatto sta che ora siamo qui, pronti a presentare il nostro menù, il nostro chef e la nostra filosofia" spiega Stefano Pini che insieme al fratello Enrico e Paolo Annoni gestisce il nuovo "Alfredo since 1964".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai fornelli c'è Fabrizio Frongia, pluripremiato ai Campionati italiani di Cucina, medaglia d'Oro per il "Tarufo d'Oro", classe 1985, originario di Cagliari ma cresciuto in Piemonte. La sua è una cucina di "recupero", delle tradizioni e degli elementi: non viene sprecato nulla, i grissini "vecchi" vengono riutilizzati per fare la panatura dell'orecchia d'elefante e le bucce della cipolla diventano croccanti compagne del più classico dei risotti, quello milanese ovviamente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autostrade, confermato lo sciopero domenica 9 e lunedì 10 agosto: le cose da sapere

  • Terrore in Duomo: uomo armato di coltello prende in ostaggio guardia giurata, arrestato

  • Disavventura per una famiglia di Milano, trova la casa delle ferie devastata e occupata

  • Milano, violenta rissa in strada: il video choc dei residenti che seguono tutto dalle finestre

  • Coronavirus, tamponi e mini isolamento per chi torna da Spagna, Grecia, Malta e Croazia

  • Milano, abbonamenti Atm: via ai rimborsi per le mensilità non utilizzate durante il lockdown

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento