Cultura Stazione Centrale / Piazza Duca D'Aosta

Alex Britti e il mini-concerto gratuito in Stazione centrale a Milano

Il cantautore lancia "Perchè?", singolo contro la violenza sulle donne, nella Giornata internazionale dedicata al drammatico tema

Britti

Il cantautore Alex Britti si esibirà gratuitamente mercoledì 25 novembre in Stazione centrale a Milano dopo le 18, nella Sala Reale, dopo l'incontro con i giornalisti. 

L'occasione è la "Giornata mondiale contro la violenza sulle donne". Britti arriverà da Roma e Firenze, dove farà una sosta. 

"L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha dichiarato nel 1999 il 25 novembre “Giornata internazionale contro la violenza alle donne”, per ricordare tutte le donne vittime di violenza. La Giornata venne istituita con la risoluzione 54/134 dell'Onu, invitando governi, organizzazioni governative e non governative, media e società civile a sensibilizzare sulla violenza di genere le società; In particolare, è stato scelto il 25 novembre poiché è la data in cui vennero uccise le tre sorelle Mirabal, assassinate nel 1960 nella Repubblica Dominicana per il loro impegno politico contro l’allora dittatore Trujillo", si legge nella nota che presenta l'evento. 

"Tale data è diventata così il simbolo dell’atto d’accusa della società civile nei confronti del fenomeno, purtroppo ancora in crescita, della violenza sulle donne. Grandi Stazioni, darà visibilità sui circuiti digitali nei Frecciarossa / Frecciargento e negli oltre 1000 schermi installati nelle 14 principali Stazioni ferroviarie Italiane ai comunicati/spot che l’Artista girerà in qualità di “Testimonial” della lotta contro la violenza sulle donne. In partnership con la Onlus WeWorld - Tutti i diritti di Alex Britti e della It.Pop del singolo “PERCHE’? “ sono destinati a WeWorld, una Ong mondiale che lavora da oltre 15 anni per difendere i diritti di donne e bambini in Italia e nel mondo", si conclude.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alex Britti e il mini-concerto gratuito in Stazione centrale a Milano

MilanoToday è in caricamento