Cenacolo e Brera, stop all'accorpamento: Franceschini cancella i decreti di Bonisoli

Discontinuità immediata al Ministero dei Beni Culturali: salva l'autonomia gestionale dei Musei milanesi (e italiani)

La Pinacoteca di Brera

Riguarda Milano uno dei primi segni di discontinuità tra il governo Conte e il governo Conte-bis. Il nuovo ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini (Partito Democratico) ha ritirato i decreti attuativi che accorpavano tra l'altro il Cenacolo di Leonardo e la Pinacoteca di Brera. Una mossa, quella di Franceschini, del tutto prevedibile, visto che i decreti in questione, varati dal predecessore pentastellato Alberto Bonisoli, andavano ad attaccare pesantemente quella che era stata la "sua" riforma, quando Franceschini era stato ministro nello stesso Dicastero.

Una "restaurazione", quindi, che viene salutata dagli esperti come un toccasana rispetto alla scelta di Bonisoli di minare alle fondamenta l'autonomia dei musei (accorpamento, azzeramento dei consigli d'amministrazione e controllo di nuovo al Ministero). Franceschini ha voluto però minimizzare il segnale politico, affermando che si è trattato di una misura "cautelativa", visto che i decreti erano stati varati ad agosto, a crisi di governo già avviata. Non sfugge, però, che l'ex ministro ora di nuovo ministro non fosse affatto d'accordo con gli accorpamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La riforma di Bonisoli non prevedeva soltanto l'accorpamento dei musei ma anche la creazione di dieci direzioni territoriali delle reti museali. La Lombardia sarebbe finita con il Veneto e questa direzione avrebbe gestito, in modo accentrato, una trentina di sedi museali. Penalizzate anche diverse Regioni che nel 2018 avevano premiato parecchio il Movimento 5 Stelle, una tra tutte la Basilicata con il paradosso di Matera capitale europea della cultura proprio nell'anno in cui le veniva "scippato" il polo museale regionale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

  • Milano, ecco lo store di Off-White in pieno centro: è il brand per cui tutti si mettono in fila

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento