menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il dinosauro in corsia

Il dinosauro in corsia

Un dinosauro 'visita' la clinica pediatrica De Marchi

Una piccola sorpresa a Natale per i 24 piccoli ricoverati alla clinica De Marchi. Il dinosauro - un esemplare di velociraptor alto più di due metri e lungo tre - ha prima atteso i bimbi più piccoli nell'atrio del terzo piano della struttura, sede dell'Unità di pediatria ad alta intensità di cura

Il primo approccio è stato di stupore, curiosità, e anche un po’ di paura, ma alla fine i 24 bambini ricoverati nella clinica De Marchi, presso l’Ospedale Maggiore Policlinico di Milano hanno apprezzato molto il regalo che 'Days of the Dinosaur', la mostra in questi giorni in programma a Milano, ha voluto fare loro: “Baby Dino”, un cucciolo di dinosauro, è andato a trovarli nell’unità di pediatria ad alta intensità di cura.

Il dinosauro – un esemplare di velociraptor alto più di due metri e lungo tre –  ha prima atteso i bimbi più piccoli nell’atrio del terzo piano della struttura, sede dell'Unità di pediatria ad alta intensità di cura, e poi ha passeggiato lungo il corridoio del reparto incontrando i più grandi.  

I bambini, insieme alle loro famiglie, si sono intrattenuti a lungo osservando con curiosità il dinosauro, che con la sua lunga coda occupava gran parte dello spazio disponibile. Poi Baby Dino ha regalato ai bambini alcuni giocattoli a tema sul fantastico mondo dei dinosauri e ha posato con loro per le fotografie di rito. Un modo per rendere il loro Natale un po’ più allegro.

«È la prima volta che un dinosauro viene a trovarci in clinica e non credo che sia qui per essere ricoverato – ha scherzato Susanna Esposito, direttore dell'Unità di pediatria ad alta intensità di cura e presidente Abm onlus – ma sicuramente la sua visita è stata molto allegra. Tra i bambini più piccoli qualcuno si è un po’ impaurito sentendo il ruggito, ma in generale hanno vissuto l’incontro come qualcosa di molto piacevole. I bambini più grandi sono stati più partecipi, perché dopo aver conosciuto i dinosauri sui libri ora hanno potuto vederne uno dal vivo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento