rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cultura

Il Comune rende omaggio alle vittime di Piazza Fontana

Il Comune di Milano si prepara a rendere omaggio alle vittime di Piazza Fontana nel 40esimo anniversario della strage. Una serie di spettacoli teatrali e letture in diversi teatri cittadini e la possibilità di visitare la sala della banca dove scoppiò la bomba

Il Comune di Milano rende omaggio alle vittime di piazza Fontana nel 40° anniversario della strage.  Il 12 dicembre del 1969, alle 16.37,  la città fu vittima di un grave attentato: una bomba esplose nella sede della Banca Nazionale dell’Agricoltura in piazza Fontana, provocando la morte di diciassette persone e il ferimento di altre ottantotto.

A quarant’anni da quel tragico evento, la città si stringe di nuovo attorno ai familiari delle vittime e mantiene viva la memoria attraverso una serie di iniziative coordinate dall’Assessorato alla Cultura del Comune, in collaborazione con  l'Associazione Familiari Vittime Strage Piazza Fontana 12 dicembre 1969, Associazione Aiviter, il Comitato Permanente Antifascista e Banca Monte dei Paschi di Siena.

Venerdì 11 dicembre il Teatro Dal Verme, di via San Giovanni sul Muro 2, alle ore 20.30 ospiterà Concerto per ricordare: Piazza Fontana 1969-2009. Promossa dall’Associazione familiari vittime strage di piazza Fontana 12 dicembre 1969, con il coordinamento tecnico e artistico dell’Associazione Arte&Amicizia, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune e il contributo della Banca Monte dei Paschi di Siena, la serata prevede l’esibizione dei Cameristi e del Coro di Voci Bianche del Teatro alla Scala diretto da Alessando Cadario. Nel corso della serata Maddalena Crippa interpreterà un testo di Giorgio Boatti tratto dall’opera teatrale “Sboom”.

Lo spettacolo sarà preceduto da un’orazione laica per voci e megafono tratta da Patmos di Pier Paolo Pasolini con Carla Chiarelli e Fabrizio Parenti e la regia di Fabrizio Parenti. La performance avrà inizio alle 19.15, con replica alle 19.45, sul portico del Teatro Dal Verme.

Dal 12 dicembre al 6 gennaio a Palazzo Reale sarà esposta l’opera monumentale di Ernesto Treccani Un popolo di volti, 1969-75 di proprietà della Fondazione Corrente. L’imponente tela, 238 x 394 cm, fu dipinta da Treccani in quasi sei anni. Prendendo avvio dal funerale delle vittime della strage di Piazza Fontana, l’artista dipinse i volti di persone note e persone comuni, stretti l’uno all’altro e accomunati dall’ansia di giustizia e dal desiderio di pace. Accanto al dipinto verrà allestito un percorso fotografico con immagini che ritraggono i funerali delle vittime  della strage e Ernesto Treccani mentre realizza l’opera.

Il 12 dicembre alle 15.00 prenderà il via da piazza Scala il corteo che si dirigerà verso piazza Fontana dove, alle 16.37, ora dell’esplosione della bomba, verranno deposte corone commemorative. Per l’occasione è prevista l’apertura straordinaria della filiale della Banca.

Sempre il 12 dicembre, alle 18.30, aprirà al pubblico la sala storica del Piccolo Teatro di via Rovello per una doppia manifestazione dedicata ai 40 anni della strage.

In apertura il recital Considerate questa città, un’antologia di letture drammaturgiche da un’idea di Luca Ronconi, curata da Marco Rampoldi. Massimo De Francovich, Anna Nogara e Pasquale Di Filippo, accompagnati dagli allievi della Scuola di Teatro del Piccolo, leggeranno testi e frammenti di grandi autori del passato e di oggi, da Eschilo a Manzoni, da Archiloco a Brecht, da Simone Weil a Giovanni Raboni.

Seguirà la proiezione in anteprima nazionale del film Vittime, documentario di Giovanna Gagliardo realizzato su iniziativa di Aiviter, Associazione italiana vittime del terrorismo, con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività culturali, una produzione Rai Cinema, in collaborazione con Rai Teche, realizzata da OffSide Film.

Il 9 e 10 dicembre, inoltre, l’ex Banca Nazionale dell’Agricoltura (oggi del Gruppo Montepaschi) apre al pubblico dalle 9.30 alle 13.00 con visite guidate al salone dove avvenne la strage. Per l’occasione la banca senese ha collocato all’interno della filiale dell’ex Banca Nazionale dell’Agricoltura una scultura realizzata appositamente dall’artista Alberto Inglesi in collaborazione con l’architetto Franco Biondi.

Nelle 24 biblioteche rionali della città sarà poi allestito un angolo dedicato a pubblicazioni, volumi e testi relativi ai fatti di piazza Fontana.

Numerosi, infine, i teatri milanesi che ospitano rappresentazioni in ricordo dei tragici fatti di piazza Fontana. Allo Spazio Teatro89  (via F.lli Zoia 89) il 10 e l’11 dicembre alle ore 21.00 andrà in scena Tra pochi giorni è Natale - In memoria della strage di piazza Fontana e dell’anarchico Pinelli, Produzione TeatrOvunque di e con Antonio Carletti.

L’11 e il 12 dicembre alle 21 e il 13 dicembre alle 16.00 all’Arg?mm Teatro (via Graziano Imperatore 40) è in programma Quel che è stato è stato ispirato alla tragedia di Piazza Fontana e all’anarchico Pietro Valpreda con Giulia Telli, progetto drammaturgico e regia con Marco Sestetti, collaborazione artistica Monica Vignetti.

Il Teatro Officina (via S. Elembardo 2), infine, il 12 dicembre alle 21.00 propone Serata sulla strage di Piazza Fontana. Letture, musiche e poesie.

Il Teatro Litta (corso Magenta 24) dall’11 al 20 dicembre, ospita Piazza Fontana, una storia d’amore di Paolo Trotti, con contributi di Alessandro Bertante, Gianni Cervetti, Piero Colaprico, Eugenio Finardi, Letizia Russo. Produzione ArteVOX.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune rende omaggio alle vittime di Piazza Fontana

MilanoToday è in caricamento