menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Protesta davanti alla Triennale (foto Fb_Coordinamento Spettacolo Lombardia)

Protesta davanti alla Triennale (foto Fb_Coordinamento Spettacolo Lombardia)

Torna la protesta che attraversa Milano in bici: insieme studenti e lavoratori dello spettacolo

L'appuntamento è sabato 20 febbraio, alle 14, davanti alla Triennale

Torna a Milano, Cultural Mass, la protesta su due ruote che attraversa la città e che in questa nuova edizione vede insieme, nell'unico grido "la cultura è necessaria", i lavoratori dello spettacolo e gli studenti. L'appuntamento è sabato 20 febbraio alle 14 alla Triennale, luogo da cui poi partirà la 'biciclettata' che attraversa i luoghi più importanti della città dal punto di vista culturale.

I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

"Teatro, musica, danza, arte contemporanea, scuola, musei, biblioteche, archivi, associazioni, realtà consolidate e persone che riconoscono la dignità e la necessità della cultura - scrivono gli organizzatori - hanno deciso di unirsi per ricordare le gravi condizioni in cui versano tutti i comparti del settore".

In questo appuntamento della Cultural Mass, insieme al Coordinamento Spettacolo Lombardia, ci saranno anche rappresentanti del mondo dell'istruzione: studenti, studentesse e insegnanti chiederanno maggiore attenzione da parte del Governo anche per le scuole. "Quindi con Csa Calliope, Priorità alla scuola, Rete della conoscenza e UDS - Unione Degli Studenti - continua la nota dei promotori dell'iniziativa - ci ritroveremo di fronte al Liceo Parini, Università Statale e Accademia di Brera".

Tra le varie tappe che verranno toccate anche la Biblioteca Sormani e il Palazzo Reale dove l'associazione Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali, affronterà i temi del precariato degli operatori culturali, soprattutto dei lavoratori museali, costretti a tirocini,volontariato e stipendi da fame, racconterà le condizioni drammatiche degli archivi e delle biblioteche sotto organico e ciò che accade nel settore deregolamentato delle guide turistiche, da anni in attesa di riforma.

Anche questa volta - la prima edizione era stata a metà gennaio - gli aderenti alla protesta passeranno per luoghi simbolo dello spettacolo dal vivo come Teatro Lirico e Piccolo Teatro. Qui il Coordinamento Spettacolo Lombardia ribadirà la necessità di una ripartenza diffusa del settore che garantisca equi diritti e dignità, di un reddito di continuità a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori, di un protocollo sanitario nazionale nei luoghi della cultura e dello spettacolo e di una riforma radicale dell'intero settore.

L'iniziativa terminerà in Piazza della Scala, unendosi solidarmente alla manifestazione indetta da Arci Milano, riconoscendo il ruolo fondamentale, quali presidi sociali e culturali, di tutte le medie e piccole realtà territoriali che stanno scomparendo. Questo è anche il primo luogo scelto dall’iniziativa L’Ultima Ruota per raccogliere le testimonianze di chi lavora nel settore culturale e che, in forma di lettera, raggiungeranno Sanremo grazie ad una ciclostaffetta organizzata da Coordinamento Spettacolo Lombardia, OraBlu e Radio Popolare.

"La Cultural Mass - precisano gli organizzatori - è una tappa intermedia per rilanciare la manifestazione nazionale di martedì 23 febbraio che coinvolgerà più di venti piazze in Italia, unite dal nome Un anno senza eventi e che, solo in Lombardia, si terrà in 3 differenti piazza: a Milano di fronte la Prefettura alle ore 15.30, a Brescia alle ore 18,00 in Piazza della Vittoria e a Cremona nella Piazza principale della città. Chiediamo la partecipazione di tutti coloro che credono che la Cultura sia necessaria, perché è confronto, è incontro, è rielaborazione del presente e va tutelata".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento