rotate-mobile
Dossier Dopo le amministrative

Contaminazioni e bonifiche da 7 milioni: dentro la prima raffineria d'Italia

L'area è della Lombarda Petroli. Il Comune vuole tutelare il verde, ma la curatrice del fallimento preferisce vendere. Oggi a Villasanta si è insediata una nuova giunta. Il futuro dell'ex sito industriale è ancora incerto

In uno scantinato del quartiere San Rocco, alla periferia sud di Monza, abita Giorgio Crespi. Crespi è l’ex custode della Lombarda Petroli, la prima raffineria d’Italia, fondata a Villasanta nel 1939 da Aldo Tagliabue. La notte del 22 febbraio del 2010 sono stati manomessi i rubinetti di 7 cisterne, rovesciando tonnellate di idrocarburi nelle fognature, poi confluiti nel Lambro. Quell’onda nera - che tutti ricordano - è arrivata a Milano, è finita nel Po e nel mar Adriatico.

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante...

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Il tuo abbonamento è in corso di attivazione: attendi qualche istante.
Prova ad aggiornare questa pagina | Gestisci il tuo abbonamento
A causa di un problema non è stato possibile ottenere gli abbonamenti disponibili: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Non ci sono abbonamenti disponibili al momento: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Sullo stesso argomento

Potrebbe interessarti

MilanoToday è in caricamento