rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Dossier Terrorismo

Così da Milano cercavano combattenti per Isis: la guerra santa di un muratore e un inserviente

Due uomini arrestati a Milano: sono accusati di aver giurato fedeltà all'Isis e di aver fatto proseliti. Tra chat WhatsApp, gruppi Facebook e Telegram i due combattevano la loro personale guerra santa usando i social come "un palcoscenico"

Dodici dicembre 2021, tredici giorni al Natale. Negli uffici di una Srl dell'hinterland di Milano, alle 15.15 in punto, da un telefono viene riprodotto un video. Si sente parlare in arabo, la musica è quasi da film. È un video di propaganda, un video che racconta - ed esalta - le gesta dello stato islamico. Dell'Isis. A premere play, a guardare quella clip, è un uomo che per quell'azienda lavora come addetto alle pulizie nei condomini. È un uomo nato in Egitto, ma residente nella vicina Sesto San Giovanni

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante...

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Il tuo abbonamento è in corso di attivazione: attendi qualche istante.
Prova ad aggiornare questa pagina | Gestisci il tuo abbonamento
A causa di un problema non è stato possibile ottenere gli abbonamenti disponibili: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Non ci sono abbonamenti disponibili al momento: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento

Potrebbe interessarti

MilanoToday è in caricamento