rotate-mobile
Dossier Il caso

Paghe da fame e muri di burocrazia, così il tribunale perde i suoi consulenti

Periti informatici e traduttori sono consulenti preziosi per procure e tribunali: oggi senza il loro apporto mandare avanti un già lento processo è un’impresa. Ma retribuzioni mai adeguate e spirali burocratiche li spingono fuori dal palazzo

La loro consulenza è stata richiesta dai legali delle vittime di Alexander Boettcher e Martina Levato, condannati in via definitiva dalla Cassazione per le aggressioni con l'acido compiute a Milano nel 2014. E ancora, casi di omicidi e pedopornografia. Casi che sono arrivate a una risoluzione solo grazie al lavoro dei consulenti informatici. Eppure questi ultimi, nonostante responsabilità e competenze richieste, incamerano compensi da fame. Ecco quanto

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante...

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Il tuo abbonamento è in corso di attivazione: attendi qualche istante.
Prova ad aggiornare questa pagina | Gestisci il tuo abbonamento
A causa di un problema non è stato possibile ottenere gli abbonamenti disponibili: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Non ci sono abbonamenti disponibili al momento: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Sullo stesso argomento

Potrebbe interessarti

MilanoToday è in caricamento