rotate-mobile
Dossier MilanoEconomy

Le paghe da fame e i turni massacranti dietro il successo dei saloni cinesi

I centri estetici di proprietà cinese hanno superato anche la prova covid-19. A Milano hanno aperto in 43 dopo la pandemia. È un business sempre più di successo. Ma dietro a un servizio impeccabile e a basso costo, si lavora senza sosta per 5 euro all’ora

In uno dei 7 negozi di una delle principali catene di saloni a Milano serve personale. “Cerchiamo un’estetista per massaggi e pulizia del viso, ma che sia anche onicotecnica, esperta nella ricostruzione delle unghie”, dicono al telefono in un italiano stentato. Offrono un contratto a tempo determinato di tre mesi, con 30 giorni di prova e possibilità di rinnovo. Part-time. Ma nel corso della telefonata si scopre che non è del tutto vero. Il viaggio di Dossier

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante...

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Il tuo abbonamento è in corso di attivazione: attendi qualche istante.
Prova ad aggiornare questa pagina | Gestisci il tuo abbonamento
A causa di un problema non è stato possibile ottenere gli abbonamenti disponibili: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Non ci sono abbonamenti disponibili al momento: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Sullo stesso argomento

Potrebbe interessarti

MilanoToday è in caricamento