Domenica, 14 Luglio 2024
Dossier Cure negate

Mesi per un consulto e niente personale: curare l’autismo è un miraggio

Le unità territoriali dedicate alle diagnosi rischiano di chiudere per mancanza di neuropsichiatri infantili in esodo verso il privato. Ma queste strutture sono essenziali, perché i disturbi giovanili continuano ad aumentare

Le attese continuano ad allungarsi: 4 mesi, 6 mesi, 9 mesi. Tanto bisogna aspettare per riuscire ad avere un appuntamento nelle strutture territoriali che si occupano di neuropsichiatria infantile e che, tra le altre cose, forniscono le diagnosi per i casi di autismo. Come accade ovunque ormai, manca personale. Servirebbero più specialisti: chi lavora nel settore lo ripete da anni. “Il nostro è un grido d’allarme”, puntualizza a Dossier Pierangelo Veggiotti, direttore responsabile del reparto di neuropsichiatria infantile dell’ospedale Buzzi di Milano

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante...

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Il tuo abbonamento è in corso di attivazione: attendi qualche istante.
Prova ad aggiornare questa pagina | Gestisci il tuo abbonamento
A causa di un problema non è stato possibile ottenere gli abbonamenti disponibili: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Non ci sono abbonamenti disponibili al momento: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento

Potrebbe interessarti

MilanoToday è in caricamento