menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Cascina Regina (Magenta), Fb. Repertorio

Foto Cascina Regina (Magenta), Fb. Repertorio

Zona gialla, due agriturismi su tre in Lombardia ripartono

Coldiretti: momento ideale in concomitanza con la ripresa delle attività agricole

Saranno circa due su tre gli agriturismi lombardi che riapriranno con servizio al tavolo - solo all'aperto - in zona gialla in Lombardia. Lo stima la Coldiretti regionale, sottolineando che si tratterebbe di circa mille imprese. In Lombardia la zona gialla è istituita dal 26 aprile e prevede, per bar e ristoranti, la possibilità di servizio al tavolo soltanto all'aperto.

Gli agriturismi sono un ambiente ideale per questo: tavoli all'aria aperta, picnic, pranzi tra i filari di alberi in piena primavera possono essere organizzati facilmente, in concomitanza col risveglio delle attività agricole e della natura. "La riapertura - fa notare Coldiretti Lombardia - era molto attesa dopo che le chiusure a singhiozzo dall’inizio della pandemia hanno tagliato i redditi degli operatori agrituristici. La cucina contadina è l’attività più apprezzata dagli ospiti di queste strutture che conservano ricette della campagna tramandate da generazioni, ma sono sempre più diffusi anche programmi ricreativi e attività culturali come il trekking, la visita di percorsi archeologici o naturalistici".

Tuttavia qualche timore c'è per la permanenza del coprifuoco alle 22: come è noto, la regola prevede che ci si debba trovare già a casa a quell'ora salvo che per ragioni di lavoro, necessità o salute. E la cena all'aperto in agriturismo non è considerata "necessità". Poiché gli agriturismi sono di solito collocati fuori dai centri abitati, il timore è che per cena si vedranno poche persone. Anche se nulla vieta di prenotare un pernottamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento