rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Economia

Cantone ai Comuni: "Troppi appalti diretti". A Milano l'83%

Ma nel capoluogo lombardo "valgono" solo il 14% del totale

Appaltare un contratto o una fornitura con procedura negoziata (ovvero affidamento diretto) è possibile, per le pubbliche ammnistrazioni. Anziché fare un bando si intavola la trattativa. Il codice degli appalti (e la conseguente Giurisprudenza) vuole però che si tratti di una scelta eccezionale, in deroga alla norma generale che prevede i bandi, tanto che nella delibera va apposta una motivazione esaustiva.

Obiettivo della norma, evitare episodi di favoritismo o di corruzione. Ed è proprio l'Autorità nazionale anticorruzione, presieduta da Raffaele Cantone, a fare in tal senso le "pulci" ai comuni italiani, "colpevoli" di ricorrere un po' troppo spesso agli affidamenti diretti.

Per importi superiori a 40 mila euro, l'Autorità ha stimato (nel quadriennio 2011-2014) che il 60% dei contratti è stato affidato direttamente, per il 34,66% del valore economico rispetto a tutti i contratti. La differenza significa semplicemente che tendono comunque ad essere affidati con bandi i contratti più "ricchi", come è normale che sia.

A Milano, il dato è più alto: ad essere affidato direttamente è stato l'83,23% di tutte le procedure, per un valore economico del 14,29% sul totale. Nel capoluogo lombardo, insomma, si affida direttamente più della media nazionale, ma per lavori e forniture relativamente bassi di valore. Nessuna accusa diretta di corruzione da parte di Cantone e dell'Autorità, ma soltanto un avvertimento a tenere monitorati questi affidamenti per evitare qualsiasi commistione di interessi pubblici e interessi privati.

Colpisce comunque la netta crescita degli affidamenti diretti. Sempre riferendoci a Milano, si vede che nel periodo precedente (2007-2010) i lavori affidati direttamente erano il 4,90% e sono passati al 38,49%. I servizi erano il 77,50% e sono passati all'84,64%. Le forniture, infine, erano il 74,30% e sono passati all'89,75%.

Per gli appassionati di numeri, a Milano nell'ultimo periodo (2011-2014) sono state 4.940 le procedure negoziate dirette contro 5.928 totali. I valori: quasi 410 milioni quelli delle procedure negoziate contro 2 miliardi e 800 milioni totali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantone ai Comuni: "Troppi appalti diretti". A Milano l'83%

MilanoToday è in caricamento