Venerdì, 22 Ottobre 2021
Economia

Lavoro, accorto tra Palazzo Marino e Auchan: "Integreremo le persone con disabilità"

Il progetto è volto a promuovere l’inserimento lavorativo di persone con disabilità all’interno dei punti vendita Auchan, Simply e Lillapois

Milano sempre più accessibile e attenta all’inclusione delle persone con disabilità nel mondo del lavoro. È stato sottoscritto oggi a Palazzo Marino il protocollo di collaborazione tra il Comune di Milano e Auchan Retail Italia per l’attuazione del progetto sperimentale “Promuoviamo l’inclusione delle persone con disabilità: dall’azienda alla comunità”. 

Il progetto è volto a promuovere l’inserimento lavorativo di persone con disabilità all’interno dei punti vendita Auchan, Simply e Lillapois presenti sul territorio milanese, nonché favorire l’eliminazione di ogni tipo di barriera che possa ostacolare l’indipendenza, l’autodeterminazione e la libertà delle persone affette da disabilità.

A illustrare i contenuti del protocollo sono stati il Sindaco Giuseppe Sala, l’Amministratore Delegato di Auchan Retail Italia Américo Ribeiro, insieme agli assessori Cristina Tajani (Politiche per il Lavoro e Commercio) e Pierfrancesco Majorino (Politiche Sociali) e a Lisa Noja, delegata del Sindaco per le politiche sull’accessibilità.

Il protocollo di collaborazione si inserisce nella più ampia attività condotta in questi anni dal Comune di Milano, attraverso i diversi Assessorati, per diffondere il rispetto della diversità sperimentando modalità innovative per l’accoglienza di cittadini italiani e stranieri che presentano disabilità.

Tre i macro obiettivi che il progetto “Promuoviamo l’inclusione delle persone con disabilità: dall’azienda alla comunità” si pone di raggiungere. Il primo promuovere l’inserimento sociale e lavorativo di persone con disabilità attraverso l’attivazione di percorsi di sviluppo individuale, di crescita culturale, di formazione professionale e di inclusione lavorativa. Nello specifico, gli uffici del Comune si occuperanno di individuare potenziali “soggetti fragili” interessati a intraprendere un percorso formativo per far emergere/affinare le abilità e le competenze sulla base delle diverse mansioni che andranno a svolgere presso le realtà Auchan presenti in città. Da gennaio, nell’arco di un anno e mezzo, l’azienda si impegnerà ad inserire 20 persone. La prima fase test è già partita ad ottobre con l’inserimento di due risorse in azienda, rispettivamente nel MyAuchan di corso Genova e presso gli uffici della sede centrale a Milanofiori (Rozzano MI).

Il secondo obiettivo, sviluppare programmi di sensibilizzazione e formazione per circa mille collaboratori Auchan attraverso l’utilizzo della piattaforma e-learning del Comune di Milano “MilanoAccogliente.it”, per sensibilizzarli verso le potenzialità dei lavoratori con disabilità nonché comprendere meglio le esigenze e i bisogni delle persone con disabilità che accedano ai punti vendita in qualità di clienti.

Il terzo è individuare misure per migliorare l’accessibilità dei negozi cittadini di Auchan, attraverso l’adozione di buone pratiche, come già sperimentato con successo dall’Amministrazione attraverso “Open Rampette”- il percorso partecipativo che mettendo insieme commercianti, makers, Fab Lab e portatori del bisogno di accessibilità ha permesso di individuare, progettare e realizzare soluzioni a basso costo che hanno consentito di migliorare l’accessibilità alle attività commerciali del quartiere Isola. Nell’avviare queste sperimentazioni, è stato individuato il punto vendita Auchan Supermercato in viale Tibaldi come laboratorio per creare il vademecum utile a fornire semplici linee guida per favorire l’accessibilità e la fruibilità degli spazi interni.

L’accordo di collaborazione tra Comune di Milano e Auchan Retail Italia è della durata di due anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro, accorto tra Palazzo Marino e Auchan: "Integreremo le persone con disabilità"

MilanoToday è in caricamento