rotate-mobile
riqualificazioni urbane

I quartieri di Milano dove i prezzi delle case diventeranno inarrivabili (e perché)

Le riqualificazioni urbane a Milano hanno fatto sì che i prezzi degli immobili nei quartieri interessati decollassero. Ecco la mappa

Le riqualificazioni urbane a Milano hanno avuto un forte impatto sul mercato immobiliare, facendo da motore propulsore aumentando vendite e tempistiche, oltre che accrescendo il valore delle case e di conseguenza i prezzi. È il caso, per esempio, di Cascina Merlata o di Porta Romana. O, ancora, di Nom che ha segnato un aumento delle compravendite con percentuali vertiginose. I dati sono stati raccolti da Casavo, che ha evidenziato alcuni trend interessanti. 

Nonostante i lavori di riqualificazione Rogoredo non ha registrato crescite importanti, segnando ‘solo’ un +24% sul prezzo al metro quadro. Dati esigui anche sulle compravendite. Attesi i lavori a Scalo Farini che si prospettano già utili per il mercato immobiliare, considerando che pur non essendo ancora partiti il quartiere ha registrato già un aumento dei prezzi per gli appartamenti del 12%.

Il balzo record di Nom

Si chiama North of Milano, abbreviato Nom, ed è il quartiere riqualificato con il più alto aumento nelle compravendite registrato negli ultimi tempi: +115% dal 2019 al 2023. L’area va dalla sede del PoliMi di Bovisa, fino a Novate Milanese. Oltre al restyling, un grande merito va anche ai collegamenti che uniscono il quartiere al centro. Il prezzo medio al metro quadro è salito superando 3mila euro. 

Cascina Merlata

Nato sulle ceneri delle residenze Expo e sviluppatosi a grande velocità anche con la nascita del centro commerciale Merlata Bloom, il quartiere a due chilometri dal Cimitero Maggiore ha segnato notevoli crescite. Secondo l’analisi, il prezzo delle abitazioni al metro quadro nel quartiere è aumentato del 44% passando da 2.776 euro nel 2019 a 3.993 euro nel 2023. Aumenta anche il numero di compravendite, del 78%: a Cascina Merlata la riqualificazione ha effettivamente stimolato la domanda. 

Gli effetti delle Olimpiadi invernali

Una riqualificazione anche, e soprattutto, voluta in vista dei Giochi invernali Milano Cortina 2026. Lo Scalo, infatti, ospiterà il villaggio olimpico degli atleti: appartamenti che poi verrano riconvertiti in alloggi per studenti universitari. L’area ha registrato non solo un aumento del 48% dei prezzi al metro quadro (3.296 euro nel 2019 contro 4.845 euro nel 2023), ma anche una crescita del 40% delle compravendite. 

In vista dei Giochi del 2026 anche il quartiere di Santa Giulia ha subito (e subirà) grandi cambiamenti e una riqualificazione urbana. Il quartiere ospiterà il Palaitalia, palazzetto dello sport in cui si disputeranno alcune gare. Il prezzo medio delle case al metro quadro è aumentato del 27% in cinque anni che arriva oggi a sfiorare i 3mila euro. Inoltre, vendite e acquisti immobiliari sono saliti del 28%. Ma il dato più interessante è quello dei tempi medi di vendita, il cosiddetto time on market, che cala del 28% passando da 134 giorni a 97.

SeiMilano

La cosiddetta ‘città-giardino’, SeiMilano si trova a pochi passi dalla fermata della metropolitana Bisceglie. Qui è stato sviluppato un quartiere multifunzionale con appartamenti, uffici e un’area verde di 200mila metri quadrati. Il prezzo medio al metro quadro nel 2019 era di 2.161 euro poi salito a 2.825 euro nel 2023 (+31%). Nel quartiere è stata registrata anche una notevole crescita delle compravendite del 49%.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I quartieri di Milano dove i prezzi delle case diventeranno inarrivabili (e perché)

MilanoToday è in caricamento