menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Casa di Alda Merini a Milano

La Casa di Alda Merini a Milano

Bando per l'uso della casa di Alda Merini

Il bando aprirà a gennaio e potranno parteciparvi esclusivamente realtà no-profit. Obiettivo del Comune sarà la promozione della conoscenza della poetessa e della sua opera

Il Comune affiderà a un soggetto no profit l’immobile di via Magolfa 32 (zona Porta Ticinese) per la realizzazione della “Casa delle Arti – Spazio Alda Merini”.

Le linee di indirizzo per individuare il concessionario cui assegnare lo spazio gratuitamente per tre anni sono state approvate dalla Giunta.

Il bando aprirà a gennaio e potranno parteciparvi esclusivamente realtà no-profit. Obiettivo del Comune sarà la promozione della conoscenza della poetessa e della sua opera, la valorizzazione dei beni esposti nella Casa Merini e la promozione di attività culturali legate alla poesia, ma non solo, aperte alla città.

“Vogliamo creare un luogo di aggregazione, studio, formazione e confronto tra differenti generazioni, culture ed etnie, con particolare attenzione alla realtà femminile: un luogo che abbia come fulcro la figura di Alda Merini, le sue poesie e la sua casa museo allestita al primo piano dello spazio di via Magolfa – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno –. Il bando uscirà a gennaio, quindi a breve questo spazio potrà essere riaperto al pubblico a tempo pieno e reso sempre vivo dalle attività che vi si svolgeranno”.

Ai partecipanti sarà richiesto di elaborare un programma di utilizzo dello spazio che includa la fruibilità della sala dedicata ad Alda Merini. Il concessionario dovrà rendere gli spazi quanto più possibile disponibili alla cittadinanza, sia in termini di orari di apertura sia per la qualità delle iniziative culturali promosse; dovrà inoltre realizzare a propria cura e spese la fornitura degli allestimenti necessari allo svolgimento delle attività culturali previste e garantire la custodia dei beni e la manutenzione ordinaria e straordinaria degli spazi interni.

Si potrà adibire una parte della superficie (circa 28 mq) a zona di ristoro, purché gli introiti siano direttamente reinvestiti nella proposta progettuale. La concessione in uso gratuito avrà la durata di 3 anni e potrà essere rinnovata per ulteriori 3 anni a fronte della presentazione di una nuova proposta di uguale durata e della verifica del buon esito del precedente periodo di utilizzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento