menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Benzinai, via alle agevolazioni per i nuovi impianti Gpl e Metano. Le novità

Tutte le informazioni sullo sviluppo della rete di distribuzione di carburante ecologico in Lombardia

Via libera all’unanimità in Commissione Attività Produttive della Regione Lombardia al nuovo programma di qualificazione e ammodernamento della rete di distribuzione dei carburanti (relatrice Claudia Carzeri, consigliera di Forza Italia) che sarà ora sottoposto al voto del Consiglio Regionale.

L'obiettivo è assicurare un’adeguata ed equilibrata copertura del prodotto gpl all’interno della rete distributiva dei carburanti sul territorio. Per la rete stradale ordinaria ci saràò almeno un impianto gpl ogni 16.800 abitanti, mentre il numero minimo di impianti di distribuzione del metano per autotrazione è di uno ogni 45 mila abitanti.

Obiettivo fondamentale è quello di aumentare gli standard di sicurezza e qualità urbanistica degli impianti, consentendo al gestore di integrare la sua attività con servizi "collaterali" a quello di rifornimento di carburante. E ci saranno agevolazioni per chi apre impianti in zone di montagna o nei piccoli comuni. Incentivi anche per i gestori che intendono modernizzare gli impianti.

La Lombardia vanta già una rete di carburanti sviluppata e capillare con uno sviluppo coerente con quello europeo. Rispetto al dato complessivo italiano, la Lombardia ha tra l’altro la percentuale più alta di parco veicoli circolanti, nonostante l’indice di motorizzazione (cioè il rapporto tra parco circolante e abitanti) sia tra i più bassi a livello nazionale. L’erogato medio, che è l’indice per valutare l’efficienza economica della rete, in Italia è di 1.353 mentre in Lombardia raddoppia.

Anche le colonnine per ricarica elettrica

Nella seduta sono stati approvati all’unanimità anche tre emendamenti presentati dal consigliere Raffaele Erba del Movimento Cinque Stelle che di fatto chiedono la posa anche di colonnine di ricarica elettrica rapida presso le stazioni di servizio carburante. “Sono soddisfatto - commenta Erba - perché le modifiche vanno verso la direzione di promuovere un’economia sostenibile, chiedendo di introdurre punti di ricarica rapidi da installare nei punti vendita carburante. Un servizio da offrire in vista dell’attuale transizione dal motore a scoppio a quello elettrico”.

“Forte attenzione - ha dichiarato la relatrice Carzeri - è stata data negli ultimi anni all’ambiente: in 10 anni l’erogato della benzina è stato visibilmente ridotto mentre il gasolio è cresciuto e il gpl sta sempre più prendendo piede. Questo atto regionale non può che migliorare sempre di più questa situazione garantendo efficienza dei servizi, diffusione e sostenibilità ambientale. Con questo provvedimento di revisione e aggiornamento, viene data una svolta ancora più innovativa al settore lombardo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Coronavirus

Cos'è la "certificazione verde" per uscire dalla Lombardia e come si ottiene

Coronavirus

Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento