Economia

Bcc Carugate chiude il primo semestre 2013 con un utile netto di oltre 2 milioni di euro

Il CdA di BCC Carugate, Banca di Credito Cooperativo di Milano e della Brianza, ha approvato il bilancio semestrale 2013, nel quale registra un utile lordo di circa 4 milioni di euro e un utile netto di 2,38 milioni, con una crescita del 59% rispetto al 2012. Il risultato, frutto di una netta crescita del margine di intermediazione, conferma BCC Carugate tra gli istituti bancari più solidi nel panorama lombardo, anche nel confronto con le altre BCC della regione. Cresce anche la compagine sociale con l’ingresso di 180 nuovi soci.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Il Consiglio di Amministrazione di BCC Carugate - Banca di Credito Cooperativo di Milano e Brianza attiva dal 1953 con 27 filiali operative in 90 comuni nelle province lombarde di Milano, Monza e Brianza, Lodi, Como e Lecco - ha approvato il Bilancio del primo semestre 2013. La Banca si conferma tra gli istituti più solidi a livello regionale con un patrimonio netto di 180 milioni di euro. L'utile lordo nel primo semestre del 2013 si attesta a circa 4 milioni (+44% rispetto al giugno 2012) e, al netto delle imposte, a 2,38 milioni con unacrescita del 59% rispetto allo stesso periodo del 2012.

«La Banca ha fatto segnare anche un ottimo Risultato Lordo di Gestione, pari a 13 milioni di euro con una crescita del 42,95% rispetto allo scorso anno< /em> - aggiunge il Direttore Generale di BCC Carugate Giorgio Beretta - Il dato è molto significativo se rapportato alla media delle BCC Lombarde (+16,38%) ed è il frutto di un margine di intermediazione in netta crescita: il buon risultato nella gestione del portafogli titoli aziendale, infatti, ha più che compensato la leggera flessione del margine d'interesse».

I costi operativi della Banca hanno registrato una riduzione del 2,27% assorbendo anche gli interventi di ristrutturazione che hanno recentemente interessato la Filiale e la Sede Generale di Carugate (MI), che sarà inaugurata con un evento aperto al pubblico il prossimo 29 settembre nell'ambito delle celebrazioni per il 60° anniversario. Anche le spese per il personale sono state contenute, con una crescita solo dello 0,64%.

«Abbiamo proseguito nella politica di contenimento dei costi operativi attraverso una attenta riorganizzazione dei processi - afferma il Presidente di BCC Carugate Giuseppe Maino - e contemporaneamente abbiamo ottenuto un buon margine d'intermediazione. Questo ci ha permesso di registrare un cost income ratio di ben 9 punti inferiore rispetto allo stesso periodo del 2012. Si tratta di un risultato importante soprattutto se si considera il contesto di crisi economico-finanziaria e la sostanziale situazione di recessione nazionale».

Rispetto al primo semestre 2012 gli impieghi registrano una lieve contrazione, pari all'1,85% mentre la raccolta diretta è cresciuta dello 0,69%.
Il difficile contesto economico ha portato a un'inevitabile crescita delle sofferenze, tuttavia, il rapporto tra sofferenze lorde e impieghi lordi si è fermato al 6,27%, una percentuale di un punto e mezzo inferiore alla media lombarda delle BCC.

Il Bilancio semestrale certifica anche un'ulteriore crescita della compagine sociale, con l'ingresso di 180 nuovi soci: 6 aziende e ben 174 persone fisiche, di cui un terzo con un'età inferiore ai 33 anni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bcc Carugate chiude il primo semestre 2013 con un utile netto di oltre 2 milioni di euro

MilanoToday è in caricamento