Bollette luce, arriva lo sconto per tre mesi per le piccole attività commerciali e produttive

L'agevolazione sarà applicata automaticamente, chi ne ha il diritto la ritroverà in bolletta

Repertorio

Arriva lo sconto sulle bollette della luce. Tra le misure previste dal decreto Rilancio è infatti previsto anche il taglio delle bollette per le piccole attività commerciali e produttive, per "alleviare - si legge nel testo approvato dal governo - il peso delle quote fisse delle bollette elettriche in particolare in capo alle piccole attività produttive e commerciali, gravemente colpite su tutto il territorio nazionale dall’emergenza epidemiologica". L'agevolazione sarà applicata automaticamente, quindi chi ne ha il diritto la ritroverà direttamente in bolletta.

Ma quanto si risparmierà? A quanto ammonta in concreto lo sconto in bolletta elettrica? Oscilla dai tredici euro per un piccolo studio privato ai 220 euro per un ristorante lo sconto sulla bolletta elettrica di cui 3,7 milioni di piccole e medie imprese potranno concretamente beneficiare tra maggio e luglio come sostegno all'attività economica duramente compromessa dall'emergenza Covid e deliberata prima dal dl rilancio e ufficializzata poi dall'Autorità per l'energia. A fare i conti in tasca ai bilanci delle piccole e medie imprese è uno studio di Selectra, società di intermediazione tra consumatori e aziende.

Bollette della luce, chi avrà lo sconto per tre mesi

Nel dettaglio, lo sconto in bolletta riguarda le utenze non domestiche connesse in bassa tensione e verrà applicato alla parte fissa della bolletta che non dipende dai consumi e deve essere sostenuta in ogni caso, anche se l’esercizio rimane chiuso e non ci sono consumi effettivi. Nel dl Rilancio si legge che è prevista la riduzione della spesa sostenuta dalle utenze elettriche connesse in bassa tensione diverse dagli usi domestici, con riferimento alle voci fisse della bolletta identificate come "trasporto e gestione del contatore" e "oneri generali di sistema": "L’Arera - Autorità di regolazione per energia reti e ambiente - ridetermina, senza aggravi tariffari per le utenze interessate e in via transitoria e nel rispetto del tetto di spesa, le tariffe di distribuzione e di misura dell’energia elettrica nonché le componenti a copertura degli oneri generali di sistema, per i mesi di maggio, giugno e luglio 2020".

Tra le spese che saranno tagliate, quindi, quelle che in bolletta figurano come "trasporto e gestione del contatore" e "oneri generali di sistema". Si tratta di due voci fisse che compaiono nella bolletta elettrica. Per quota fissa delle bollette elettriche si intendono diversi elementi che non cambiano a seconda del volume di energia prelevata. Oltre alle tariffe di rete e agli oneri generali, la quota fissa può comprendere anche delle componenti fisse che hanno il compito di coprire i costi di commercializzazione della vendita e sulle quali il governo decide di non esprimersi "per non creare distorsioni tra il mercato libero e i clienti forniti nel servizio di maggiore tutela".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento