Bonsai in arts: masashi hirao, ambasciatore culturale del Giappone cerca nuove sfide

Masashi Hirao, il giovanissimo ambasciatore culturale del Giappone si lancia in una nuova sfida: l'incontro tra la tradizione millenaria del Bonsai e il sound design dello IED, le calligrafie di Hiroshi Yamamoto e la fotografia di Paolo Nicola Rossini

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

BONSAI IN ARTS

Masashi Hirao eredita le forbici d'oro del Maestro Kato e cerca nuove sfide:

la tradizione millenaria del Bonsai incontra il sound design dello IED,

la calligrafia contemporanea di Hiroshi Yamamoto

e la fotografia di Paolo Nicola Rossini.

17 | 22 OTTOBRE 2013

INAUGURAZIONE

17 ottobre - dalle ore 18.30

LOCATION

-PARAVENTI GIAPPONESI GALLERIA NOBILI

Via Marsala, 4 - MILANO

-SPAZIO SOLFERINO

Via Marsala 1 - MILANO

Masashi Hirao, Deshi (discepolo e successore spirituale) del Gran Maestro Saburo Kato scomparso nel 2008, viene eletto quest'anno Ambasciatore Culturale dal Ministero della Cultura del Giappone per diffondere all'estero la sua passione per il Bonsai: "…riuscire ad incuriosire all'Arte del Bonsai anche una sola persona in più al mondo".

Gli occhi del maestro Kato sono presenza costante in tutte le Performance che vivono attraverso le sue forbici d'oro e accompagnano Masashi nelle sue creazioni.

Masa sceglie l'Italia e in particolare Milano per iniziare un nuovo progetto: rivolgersi non soltanto ai Bonsaisti del settore, ma ad un pubblico più ampio utilizzando location e situazioni insolite come gallerie d'arte e performance sonore. Si realizzano così eventi unici in cui lo spettatore può avvicinarsi ad un'arte millenaria attraverso un approccio contemporaneo.

Ed ecco che nasce BONSAI in ARTS, in collaborazione con IED, Galleria Nobili e Spazio Solferino, al fine di esporre i bonsai, a colloquio dialettico con opere contemporanee.

I bonsai esposti sono il risultato di una lavorazione del tutto naturale, mai affrettata e pazientemente figurata nella mente di Hirao in cui la forza devastante della natura viene interpretata secondo il suo sentire, semplicemente chiudendo gli occhi e vivendo un salto nel tempo: il sublime della natura in formato mini.

L'OPENING sarà caratterizzato da diversi Happening, in cui Masa mostrerà la sua passione in esecuzioni diverse tra loro che regaleranno alla serata un tocco dinamico e frizzante.

Lo IED con un gruppo di studenti di Sound Design, coordinati dalla docente Federica Colombo, accompagnerà Masa in una sua Performance. Una selezione di brani seguirà i movimenti del maestro, attraverso armonie e ritmi eterei che si alterneranno ad ambientazioni più veloci ed incisive.

Attraverso il suono selezionato, si ricostruirà la disciplina, l'intensità e la passione legate al mondo dell'arte e cultura del bonsai unite alla forza di spirito e carisma del giovane Maestro.

La Galleria Paraventi Giapponesi - Galleria Nobili, propone accanto a una decina di bonsai selezionati e lavorati personalmente dal Maestro, una teoria di calligrafie dell'artista giapponese Yamamoto Hiroshi.

Al contrario di mostre precedenti incentrate sullo Shodō più tradizionale, in questa occasione sarà offerta al pubblico una serie di calligrafie di stile contemporaneo in cui l'artista, non più interessato a rendere chiara la lettura dell'ideogramma, abbandona la convenzione classica e il legame con la letteratura a favore della ricerca del puro segno visivo e gestuale.

Durante il periodo espositivo si terranno Workshop di Bonsai, si ritiene necessaria la prenotazione.

La Galleria Spazio Solferino presenta una composizione (site-specific) di Ishizuki, bonsai e pietre realizzata dall'accostamento di varie essenze arboree in rapporto a una selezione di fotografie dalla recente serie "Tree" dell'artista Paolo Nicola Rossini. Dopo il grande successo personale ottenuto alla Biennale di Venezia e a Miami, Rossini torna a presentare le sue suggestive immagini ottenute con l'antica tecnica del foro stenopeico. L'intervento ambientale di Hirao combinato con l'allestimento visivo di Rossini crea uno spazio evocativo di continui rimandi al mondo naturale.

Si ringrazia Il Centro Bonsai Piccin che nella figura di Elio Piccin, grazie al suo profondo legame con Saburo Kato, ha sempre appoggiato il Maestro Hirao nelle sue originali iniziative mettendo a disposizione i propri Bonsai e la sua costante disponibilità.

Torna su
MilanoToday è in caricamento