La balla (per ora) dell'apertura di Starbucks a Milano il 1 febbraio

Sul gruppo Facebook, oltre 50mila persone hanno già aderito all'inaugurazione. E' stato aperto anche un account Instagram, naturalmente falso. Dalla casa madre nessuna conferma

Frappuccino

Sta girando sulle bacheche di mezz'Italia, in queste ore, l'invito all'inaugurazione di Starbucks, una delle più note catene di caffetterie al mondo, il 1 febbraio 2016 a Milano. 

Che la "casa del Frappuccino" sia intenzionata seriamente a sbarcare nel Belpaese non è un mistero; qualche mese fa, secondo indiscrezioni di stampa, sembra fossero stati stretti accordi quasi definitivi per lo sbarco entro l'anno con il gruppo Percassi. Ma niente è ancora ufficiale. E, soprattutto, c'è fitto mistero sulle tempistiche. 

Sul gruppo Facebook, oltre 50mila persone hanno già aderito all'inaugurazione. E' stato aperto anche un account Instagram, naturalmente falso. Dalla casa madre nessuna conferma. Una cosa è certa: il 1 febbraio, a Milano, di nuovi Starbucks sarà difficile vederne. A meno che lo stesso silenzio non sia una colossale operazione di guerrilla marketing. E dagli americani non sarebbe da stupirsene.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento