rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Economia

Addio a Caprotti, patron Esselunga: dalla "S" ai Rollinz, 60 anni di successi (e qualche dolore)

Si è spento a 90 anni; imprenditore visionario, creò un impero prendendo il meglio dagli americani facendolo calzare alla perfezione per l'Italia del boom. Dalla lotta coi figli ai Rollinz, la sua storia

Negli anni, si ricordano brillanti e funzionali campagne pubblicitarie ("John Lemon"), anche in collaborazione con l'Armando Testa, la Fidaty card con i programmi di fidelizzazione, i primi bar bio, l'attenzione al biologico con i prezzi sempre contenuti. 

Un vero e proprio caso editoriale fu il libro Falce e Carrello del 2007 dove Caprotti, con pragmatica ironia, raccontava gli assurdi ostacoli che, a suo dire, gli venivano creati in Emilia per la costruzione di nuovi negozi, contro le "famigerate Coop rosse", contrarie allo sviluppo di Esselunga. Proprio con una Coop, qualche anno più tardi, affrontò una causa - dove venne condannato per diffamazione - per un dossier che sarebbe stato preparato, insieme a due giornalisti, con l'intento di denigrare i rivali. 

esselunga-maxi-2

L'ennesimo successo di marketing, poi, solo qualche mese fa, con la collezione dei mitici Rollinz: pupazzetti ispirati alla saga di Star Wars - raggiungibili con i punti Esselunga - che hanno letteralmente fatto impazzire Milano per il completamento delle collezioni, con raduni, flash mob e mostre scambio. Senza dimenticare la riapertura del punto vendita di viale Papiniano, fulcro per i single, uomini e donne, meneghini.

Esselunga, ora, è un colosso che dà lavoro a quasi 22mila persone e fattura circa 7 miliardi di euro all'anno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Caprotti, patron Esselunga: dalla "S" ai Rollinz, 60 anni di successi (e qualche dolore)

MilanoToday è in caricamento