rotate-mobile
La scoperta

L'imprenditore che faceva lavorare 22 dipendenti "pagandoli" con la cassa integrazione

L'uomo aveva posto in cassa integrazione i suoi dipendenti, durante la pandemia covid, ma in realtà questi continuavano a prestare la loro opera

Aveva chiesto la cassa integrazione per 22 dipendenti durante la pandemia dovuta all'emergenza sanitaria covid, ma in realtà i lavoratori continuavano a prestare la loro opera. Un imprenditore è finito nei guai: scoperto dalla guardia di finanza della compagnia di Rho, ha patteggiato reati fiscali mentre per lui è stato emesso l'avviso di conclusione indagini per indebita percezione di erogazioni pubbliche.

Tutto è iniziato con il riscontro di alcune anomalie durante un'attività fiscale nei suoi confronti. I finanzieri hanno così deciso di approfondire la posizione dei lavoratori, che risultavano in cassa integrazione ma continuavano a svolgere l'attività lavorativa recandosi presso varie società ed enti pubblici (tra cui caserme, consolati, sedi di Inps, Inail, scuole, ospedali e parrocchie) per rifornire distributori automatici di alimenti e bevande.

In totale, i finanzieri hanno calcolato circa 19mila accessi lavorativi del personale delle due società amministrate dall'imprenditore. Ciò si traduce in una cassa integrazione indebitamente percepita pari a 75mila euro, contributi previdenziali e assistenziali non versati per 870mila euro, evasione dell'Iva per un milione e 230mila euro e mancato versamento delle ritenute Irpef per 340mila euro.

L'imprenditore ha patteggiato al Tribunale di Milano per i reati fiscali; la procura di Monza, invece, ha emesso l'avviso di conclusione delle indagini per indebita percezione di erogazioni pubbliche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'imprenditore che faceva lavorare 22 dipendenti "pagandoli" con la cassa integrazione

MilanoToday è in caricamento