Il coronavirus brucia i soldi dei milanesi: ogni famiglia perderà in media 1.254 euro

I dati sono stati resi noti da Confesercenti. La Lombardia è tra le regioni più resilienti

Le famiglie milanesi, come quelle lombarde, perderanno in media 1.254 euro a causa dell'emergenza coronavirus. È quanto ha calcolato l'ufficio economico di Confesercenti sulla base di elaborazioni condotte su dati Istat, Svimez e Swg.

Il calo dei redditi coinvolge tutta Italia ma con con forza diversa: la Lombardia con il -3,6% del totale annuo, risulta più resiliente di altre regioni (- 4% la media nazionale): a registrare le perdite più consistenti sono le famiglie dell’Emilia-Romagna, che in media lasciano sul campo -2.202 euro di reddito, il 6,4. Non tutte le tipologie di lavoratori, però, sono colpite allo stesso modo. Secondo le stime a livello nazionale a soffrire di più sono i redditi da lavoro autonomo e da lavoro dei dipendenti privati, che registrano flessioni rispettivamente del -13% (-40 miliardi) e dell’11% (-62 miliardi), per una perdita totale di oltre 100 miliardi di euro. Un crollo in parte compensato dalla stabilità dei redditi dei dipendenti pubblici e, soprattutto, dall’aumento dei trasferimenti di Stato. Che, quest’anno, incideranno sui redditi per 68 miliardi di euro: 18 miliardi da provvedimenti pre-Covid (Quota 100, Reddito di cittadinanza, aumenti previsti delle pensioni, incrementi contrattuali dei dipendenti pubblici), mentre i restanti 50 miliardi sono costituiti da Cig, bonus, crediti di imposta e altri sostegni introdotti per tamponare gli effetti dell’emergenza pandemica. Un fiume imponente di risorse che, però, non è bastato a ripianare le perdite.

La diminuzione del reddito si riflette in particolare sul mercato interno, visto che gli italiani e i lombardi hanno risposto incrementando la prudenza: aumentano i risparmi e i tagli di spesa. Nel solo semestre del lockdown (febbraio-agosto) in Lombardia la spesa è scesa di € 2.008 accentuando in modo evidente la flessione registrata dai redditi, anche se pure in questo caso con un dato meno grave di quello della media nazionale (calo di 2.304 Euro).

"Le misure messe in campo dal Governo fino ad ora hanno evitato il peggio, ma è necessario continuare ad intervenire a sostegno delle imprese e delle famiglie — ha commentato Gianni Rebecchi, presidente regionale di Confesercenti —. Il lockdown è finito, ma la ripresa non è ancora iniziata. L’emorragia di reddito dei lavoratori autonomi e dei dipendenti privati, pur attenuata in quest’ultimo caso dalla Cig, dimostra le persistenti difficoltà delle imprese e, di conseguenza, del mondo del lavoro. È quindi essenziale continuare a sostenere il tessuto produttivo, ottimizzando gli interventi a favore delle imprese e dando loro il tempo necessario per gestire questa fase transitoria. Successivamente, occorrerà puntare ad interventi strutturali, affinché la ripartenza dell’economia, di cui si scorgono timidi segnali, cominci a manifestarsi in modo più robusto. L’annunciata e auspicata riforma fiscale e un buon utilizzo delle risorse del recovery fund saranno decisivi in questa direzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento