Economia

La Corte dei Conti contro la nomina in Arpa: "E' illegittima, danno da un milione di euro"

L'esposto del Movimento 5 Stelle contro una ex collaboratrice del gruppo regionale della Lega Nord

Tegola sulle nomine in regione

Ammonta a un milione di euro il danno erariale che, secondo la Corte dei Conti, è stato subito dall'Arpa. I magistrati contabili si riferiscono all'assunzione, nel 2011, di una dirigente che non avrebbe avuto i requisiti per accedere a quell'incarico, ma era una collaboratrice di Stefano Galli, all'epoca esponente della Lega Nord.

Il ricorso è stato presentato dal Movimento 5 Stelle. Dodici persone hanno ricevuto una citazione in giudizio per il danno erariale. Secondo l'accusa, la dirigente (un'esterna) avrebbe ricevuto ben tre incarichi senza averne diritto. Incarichi che scadrebbero a fine 2018.

In particolare non sarebbero stati effettuati gli avvisi pubblici prima di conferire gli incarichi, così come non sarebbero stati verificati i requisiti di curriculum, che in effetti era quasi del tutto racchiuso in incarichi fiduciari e nella collaborazione con il gruppo della Lega Nord in consiglio regionale. Il Movimento 5 Stelle parla di "sistema marcio delle nomine dei partiti" all'interno di "agenzie regionali e partecipate".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Corte dei Conti contro la nomina in Arpa: "E' illegittima, danno da un milione di euro"

MilanoToday è in caricamento