Economia

Derivati, primo processo per le banche

Processo pilota per 13 persone e 4 banche coinvolte nella vicenda dei derivati al Comune di Milano. L'inchiesta è la prima in Italia che riguarda una presunta truffa ai danni di enti pubblici commessa da banche

Tutti alla sbarra. Partirà il prossimo 6 maggio il processo sui derivati. Il gup di Milano Simone Luerti ha rinviato a giudizio quattro banche e tredici persone, imputate per truffa aggravata per la vicenda dei derivati del Comune di Milano.

Si tratta della prima inchiesta nel nostro Paese su una presunta truffa ai danni delle amministrazioni pubbliche commesse da parte di istituti commerciali. L'udienza del processo cosiddetto “pilota” è stata fissata per il 6 maggio prossimo.
  Derivati Milano: si tratta della prima inchiesta del genere in Italia  

Fra gli imputati figurano 13 persone, tra cui undici banchieri. Nella lista degli indagati anche Giorgio Porta, l'ex city manager e Mauro Mauri, esperto della ristrutturazione del debito comunale. Secondo l'accusa, le banche Deutsche Bank, Ubs, Jp Morgan e Depfa Bank avrebbero guadagnato illecitamente circa 100 milioni di euro.  “Ci difenderemo con forza dalle accuse avanzate e siamo certi che la solidità della nostra posizione in relazione agli addebiti contestati verrà dimostrata nel corso del dibattimento”. Lo ha riferito un portavoce della banca d'affari Jp Morgan, commentando la decisione del Gup di Milano.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Derivati, primo processo per le banche

MilanoToday è in caricamento