rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Economia

“Giannino alla riscossa” l’imprenditore milanese Lorenzo Tonetti si difende

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Dopo i rumors circolati negli ultimi mesi sul futuro del ristorante Giannino, vero simbolo di Milano, il proprietario Lorenzo Tonetti ha deciso di chiarire le varie polemiche sulla sorte del suo locale. Lorenzo, a cui sono state attribuite informazioni e dettagli, per la prima volta parla alla stampa e lo fa sul SOLE24ORE.COM.

Oltre alle illazioni, assolutamente aleatorie, relative alla clientela del locale sono arrivate anche accuse di difficoltà economiche. Lorenzo Tonetti spiega «È vero che ho dato in pegno ad una banca azioni della società proprietaria del locale, ma non è un reato e anzi l'ho fatto per salvaguardare la mia impresa e reperire risorse per lo sviluppo di altre attività. Non solo. In questa fase difficile per l'accesso al credito di imprese e famiglie, credo di aver scelto la strada più corretta: garantire i finanziamenti con il mio patrimonio piuttosto che andare dagli strozzini. I miei conti sono in regola, è tutto trasparente: dalla mia correttezza dipende il lavoro di decine di persone. Ironizzare su difficoltà che sono comuni oggi a migliaia di imprenditori è quanto meno irresponsabile».

Lorenzo Tonetti è un imprenditore in proprio "senza soci, protettori o finanziatori", si è costruito da se partendo da zero e lavorando duramente per tanti anni. I giovani d'oggi, in crisi per l'alto tasso di disoccupazione, dovrebbero prendere esempio da una persona che con l'ambizione, l'intelligenza e la maturità è riuscito a ottenere traguardi importanti.

Giannino è e rimane un punto di riferimento per la ristorazione milanese, le polemiche servono solamente a confermare il successo di un brand.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Giannino alla riscossa” l’imprenditore milanese Lorenzo Tonetti si difende

MilanoToday è in caricamento