rotate-mobile
Economia

Pio Albergo Trivulzio, dismissioni per 80 milioni di euro (20 nel 2013)

I risultati economici evidenziano un miglioramento dal lato dei costi (-2 milioni) rispetto all'anno precedente, mentre i ricavi sono lievemente diminuiti

"Il Piano strategico di risanamento e sviluppo 2012-2015 prevede azioni di razionalizzazione e sviluppo, tra cui dismissioni del patrimonio immobiliare per un valore di 80 milioni di euro (di cui 20 nel 2013), che saranno destinate alle esigenze del Piano finanziario e degli interventi".

Lo precisa in una nota il Pio Albergo Trivulzio (Pat) di Milano dopo alcuni articoli di stampa. La valutazione degli immobili, oggetto del piano vendite, "é stata effettuata da una società, individuata con procedura a evidenza pubblica, ed è basata su perizie e analisi del mercato immobiliare per individuare il valore di mercato da porre a base d'asta del bando di vendita".

I risultati economici evidenziano un miglioramento dal lato dei costi (-2 milioni) rispetto all'anno precedente, mentre i ricavi sono diminuiti (per il mancato affitto dell'ex liceo Manzoni, la riduzione della specialistica ambulatoriale e dell'attività di riabilitazione per lavori di ristrutturazione).

Questo andamento, unito all'Imu (1,6 milioni di euro), alcune sopravvenienze che hanno gravato la gestione straordinaria (1,2 milioni di euro) e il progressivo aumento dell'esposizione debitoria e degli interessi, "va a determinare - continua - la perdita del 2012, superiore a quella prevista nel piano strategico". 

La prima bozza di budget per il 2013 prevede per i costi - che si riducono di circa il 7% rispetto al 2012 - un sostanziale allineamento rispetto al piano di risanamento, mentre per i ricavi contiene una stima prudenziale che determina una differenza di -2,7 milioni di euro, che porta a un risultato complessivo comunque positivo, precisa il Pat, a livello di rapporto ricavi e costi.

Circa i risultati a consuntivo del 2012 e del budget 2013, "verificheremo a breve l'impatto sul Piano di Risanamento 2012-2015, aggiornandone le previsioni in accordo con la Commissione di Controllo".

Quanto alle assenze dei dipendenti, nel primo semestre 2012 sono state il 12%, meno del 16% del 2011. Riguardo al personale a mansioni agevolate, c'é stata un'azione interna della Direzione sociosanitaria, che ha coinvolto anche sindacati e caposala, e attraverso l'analisi di 173 posizioni si è arrivati a determinare un recupero professionale con una nuova collocazione di 69 posizioni nei processi assistenziali. Quanto alla fusione con il Golgi Redaelli, al momento c'é stata una sola riunione, in cui sono state fatte solo delle ipotesi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pio Albergo Trivulzio, dismissioni per 80 milioni di euro (20 nel 2013)

MilanoToday è in caricamento