rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Economia

Furbetti del Rdc: 1.500 denunciati, 'spariscono' 15 milioni di euro

Numeri della Gdf lombarda: in un anno e mezzo, Iva evasa per oltre 2 mld. Trovati oltre 1.000 evasori totali. 'Ruberie' ai danni di Stato e Regioni per 170 mln. Operazioni di riciclaggio a 5,2 mld (con un incremento di quasi cinque volte nel 2022 rispetto al 2021)

Quasi 2.500 reati fiscali scoperti a carico di 3.568 soggetti denunciati, di cui 167 arrestati. I patrimoni sequestrati nei confronti di grandi evasori ammontano a circa 777 milioni di euro, mentre le proposte di sequestro avanzate alle procure della Repubblica superano i 2,5 miliardi. Inoltre, pizzicati oltre 1.500 "furbetti" del Reddito di cittadinanza, per un danno di oltre 15 milioni di euro.

Sono questi i principali numeri della Guardia di finanza lombarda dal 1 gennaio 2022 al 31 maggio 2023. I dati sono stati svelati durante la cerimonia per il 249esimo anniversario della fondazione delle Fiamme gialle. 

Nel contrasto alle frodi Iva organizzate - prosegue la nota della Gdf -, basate su fatture false, società “fantasma” e di comodo, sono stati scoperti 2.530 casi, con un’Iva evasa per circa 2,1 miliardi. Sono state, inoltre, avanzate 535 proposte di cessazione della partita Iva e di cancellazione della banca dati Vies, la cui iscrizione consente di effettuare scambi commerciali con controparti europee, nei confronti di società fittizie e responsabili di frodi fiscali.

In aumento le frodi fiscali

In considerevole aumento i casi di frodi fiscali basate sulla compensazione di crediti fiscali inesistenti o non spettanti con debiti fiscali reali: denunciati 479 responsabili, di cui 39 arrestati, con il sequestro di beni e disponibilità finanziarie illecitamente accumulati per circa 1,2 miliardi di euro. Nel contrasto all’economia sommersa sono stati individuati 1.053 soggetti sconosciuti al fisco (evasori totali), nonché 778 datori di lavoro che hanno impiegato 5.908 lavoratori in nero o irregolari. 

Spesa pubblica: Rdc, denunciate oltre 1.500 persone

Le truffe scoperte dai Reparti lombardi in danno del bilancio nazionale e comunitario, comprese quelle in materia di spesa previdenziale, assistenziale e sanitaria, sono state pari a circa 316 milioni di euro, con la denuncia di 2.661 persone e sequestri complessivi per oltre 16,6 milioni di euro. Sul versante dei danni erariali causati allo Stato, alle Regioni e agli altri enti pubblici, sono state segnalate condotte illecite alla Procura regionale della Corte dei Conti per circa 175,5 milioni di euro a carico di 233 soggetti. Con specifico riferimento alle indebite percezioni del “reddito di cittadinanza”, sono stati eseguiti 2.042 interventi, di cui 1.821 sono risultati irregolari, consentendo di accertare una frode per le casse dello Stato di circa 15,3 milioni di euro tra contributi indebitamente percepiti e richiesti, con la denuncia di 1.553 soggetti. Inoltre, sono state denunciate 354 persone per reati in materia di appalti, corruzione e altri delitti contro la pubblica amministrazione e, di queste, 40 sono state tratte in arresto.

Criminalità organizzata

In applicazione della normativa antimafia, sono state sottoposte ad accertamenti economico patrimoniali 792 persone fisiche e 258 persone giuridiche, che hanno consentito sequestrare beni mobili, immobili, aziende, quote societarie e disponibilità finanziarie di valore sproporzionato rispetto ai redditi dichiarati, per 261,5 milioni di euro. I provvedimenti di sequestro e confisca operati hanno raggiunto, rispettivamente, la quota di 160 e 67 milioni di euro.

È continuata, inoltre, la collaborazione con le autorità prefettizie, fulcro del sistema di prevenzione antimafia in sede provinciale, nell’ambito della quale sono stati eseguiti 9.003 accertamenti a seguito di richieste pervenute dai prefetti della Repubblica per le verifiche funzionali al rilascio della documentazione antimafia. Inoltre, dallo sviluppo di 230 indagini di polizia giudiziaria, è scaturita la denuncia di 599 persone per i reati di riciclaggio e autoriciclaggio, 79 delle quali tratte in arresto, con il sequestro complessivo di circa 670 milioni di euro. Nel corso di tali indagini sono state ricostruite operazioni di riciclaggio pari a 5,2 miliardi di euro (con un incremento di quasi cinque volte nel 2022 rispetto al 2021). Sul fronte della prevenzione, i reparti lombardi hanno proceduto all’analisi di 8.230 segnalazioni di operazioni sospette, inoltrate da intermediari finanziari e professionisti ai sensi della normativa antiriciclaggio. Nell’azione di contrasto all’usura, sono stati denunciati 25 soggetti, di cui 9 tratti in arresto, con il sequestro di patrimoni per circa 26 milioni di euro, mentre con riferimento ai reati fallimentari, le persone denunciate ammontano a 382, di cui 55 arrestate, e i patrimoni illeciti sequestrati a circa 47 milioni di euro.

Cocaina, eroina e hashish

Nell’ambito del contrasto ai reati societari e bancari, le persone denunciate sono state 118, con patrimoni illeciti sequestrati per circa 3,8 milioni di euro. 3 Il controllo del territorio lombardo, dei laghi e dello spazio aereo sovrastante per il contrasto ai traffici illeciti è assicurato da un dispositivo d’intervento unitario, che integra tra loro le componenti territoriali, investigative e aeronavali del Corpo. Nell’azione di contrasto al traffico di stupefacenti sono stati denunciati 925 soggetti, di cui 232 arrestati, con il sequestro di circa 12,6 tonnellate tra cocaina, eroina, hashish, marijuana ed altre sostanze psicotrope, oltre a 22 mezzi utilizzati per il relativo trasporto. Ammontano, invece, a 451 gli interventi nel settore delle accise, con il sequestro di oltre 336.700 kg di prodotti energetici, mentre sono stati 160 i soggetti sanzionati per violazioni in materia di controlli sui prezzi dei carburanti praticati dai distributori stradali. Nel settore del contrasto alla contraffazione e alla vendita di prodotti pericolosi e non sicuri, nonché della tutela del made in Italy e dei distretti industriali della Lombardia, sono stati denunciati 672 soggetti e sequestrati oltre 38 milioni di prodotti contraffatti, insicuri o pericolosi, tra cui dispositivi medicali, capi di abbigliamento e giocattoli.

Le operazioni di soccorso

Gli interventi effettuati dal Soccorso Alpino della Guardia di Finanza (Sagf) lombardo, composto da militari altamente specializzati e da unità cinofile da soccorso presenti nella provincia di Sondrio, presso le Stazioni di Bormio, Madesimo e Sondrio, nonché presso la Stazione di Edolo in provincia di Brescia, sono stati 943 ed hanno permesso di portare in salvo 733 persone, in molti casi con il determinante supporto degli elicotteri del Corpo. Sono stati, invece, 32 i soggetti tratti in salvo sui principali laghi lombardi dalle unità navali e dei mezzi aerei del Reparto Operativo Aeronavale di Como.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furbetti del Rdc: 1.500 denunciati, 'spariscono' 15 milioni di euro

MilanoToday è in caricamento