rotate-mobile
Economia Porta Ticinese / Ripa di Porta Ticinese

Fiera di Sinigaglia, il consiglio di stato: "Sì allo smembramento"

Respinto anche in secondo grado il ricorso dell'associazione degli ambulanti. Ora si partirà con la divisione in due della storica fiera milanese

Il comune vince al consiglio di stato sulla fiera di Sinigaglia, lo storico "mercato delle pulci": nulla quindi ostacola più lo smembramento tra il sabato in Ripa Ticinese e la domenica in via Mario Pagano. Il ricorso (che era già stato respinto dal Tar a luglio) era stato presentato dall'associazione fiera di Sinigaglia e da 51 operatori su 152. La giustizia amministrativa respinge così la richiesta di sospensiva avanzata da un terzo degli ambulanti sul trasferimento della fiera dall'attuale sede (stazione di Porta Genova).

L'associazione aveva lamentato che lo smembramento avrebbe significato "distruggere la fiera", dimenticandone l'identità e la storia.

Soddisfazione da parte di Franco D'Alfonso, assessore al commercio, che lavora al dossier da quasi un anno. Il progetto di smembrare in due il mercato non era piaciuto a molti, mentre la ricollocazione unicamente in via Mario Pagano aveva trovato la strenua contrarietà dei negozianti di corso Vercelli, preoccupati da una parte che aumentasse l'abusivismo in zona e, dall'altra, di perdere clienti in favore del mercato.

112 ambulanti hanno chiesto la collocazione al sabato in Ripa Ticinese, dove comunque non mancano le criticità: è ad esempio da risolvere il nodo dei furgoncini che molto probabilmente dovranno essere parcheggiati lontano dalle bancarelle. 22 ambulanti hanno presentato domanda per la domenica in Pagano. 13 ambulanti non hanno presentato alcuna domanda e cinque, infine, hanno visto decadere la loro licenza per mancato pagamento dei canoni Cosap e/o superamento dei limiti delle assenze.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiera di Sinigaglia, il consiglio di stato: "Sì allo smembramento"

MilanoToday è in caricamento