rotate-mobile
Economia

ANGI, Young Innovators Business Forum: siglato patto tra istituzioni, innovatori e grandi imprese per il rilancio dell’Italia

La kermesse alla seconda edizione

Siglato il patto tra le istituzioni, gli innovatori e le grandi imprese per il rilancio dell’Italia: questo quanto avvenuto oggi alla seconda edizione dello Young Innovators Business Forum a Milano. Una platea piena, attenta e giovane, grazie anche alla presenza delle scuole, quella che oggi ha assistito a oltre 60 speech nell’evento dedicato all’innovazione e alle nuove generazioni promosso da ANGI, l’Associazione Nazionale Giovani Innovatori in collaborazione con gli Uffici del Parlamento Europeo in Italia e con il patrocinio della Rappresentanza della Commissione Europea in Italia, dell’Agenzia per l’Italia Digitale, del CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche e dell’ENEA - Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. Una manifestazione unica nel panorama italiano ed europeo per mettere in luce le principali sfide che riguardano l’innovazione in Italia quella che si è svolta oggi a Milano e che ha visto istituzioni, aziende e associazioni a confronto. E proprio dalla città meneghina il Forum ha ricevuto il suo saluto inaugurale con Emmanuel Conte, Assessore al Bilancio e Patrimonio Immobiliare Comune di Milano, e Layla Pavone, Direttore Board Innovazione Tecnologica e Digitale Comune di Milano. Presenti anche le istituzioni europee e gli enti governativi con Fabrizio Spada, Responsabile Relazioni Istituzionali Uffici del Parlamento Europeo in Italia, Claudia Colla, Capo della Rappresentanza Regionale della Commissione Europea in Italia, Francesco Tufarelli, Segretario Generale CNEL, Alessandro Coppola, Direttore Innovazione e Sviluppo ENEA, Andrea Carapellese, International Expert on Investment & Technology at UNIDO Matteo Malosio, Resp. Laboratorio "AAL, Robotic Rehab, Motion analysis" CNR-STIIMA. Durante l’evento è stato presentato anche il secondo rapporto “Giovani, innovazione e transizione digitale”, promosso da ANGI Ricerche in collaborazione con Lab21.01, da cui sono emersi i nuovi trend tecnologici. Su tutti, quello che vede gli under35 credere nell’IA come primo motore dell’innovazione e come principale megatrend della transizione ecologica e digitale. Secondo il rapporto, infatti, per i giovani il futuro è nell’AI, mentre le generazioni precedenti continuano a considerare dominanti altre tendenze come l’ecommerce.

Focus anche sulla fuga dei cervelli, che rappresenta un problema per il 90% dei giovani contro il 70% degli italiani in generale e sul gender gap che nel mondo tech è ancora ben radicato secondo il 70% degli under 35. Il ministro dell'Ambiente e della sicurezza energetica Gilberto Pichetto Fratin ha invece parlato di un altro punto cruciale del Rapporto, quello che riguarda la sostenibilità, un fattore per gli under35 imprescindibile rispetto al modello di governance dell’impresa. “L’impegno del mio ministero è di centrare gli obiettivi di decarbonizzazione al 2030 ed al 2050. Vogliamo contribuire anche al raggiungimento dei 17 obiettivi dell’Agenda Onu, uno sforzo enorme - ha detto il ministro - Se pensiamo agli eventi che hanno colpito l’Emilia Romagna, abbiamo l’idea di quanto sia importante rallentare l’impatto dei cambiamenti climatici a livello mondiale. Ci troviamo a dover realizzare la transizione, ma anche adottare gli strumenti per garantire la sicurezza del paese e dei cittadini. Il mio impegno è di assicurare una transizione economicamente sostenibile e socialmente equa e per questo stiamo investendo molto sulle rinnovabili e mobilità elettrica. Riteniamo anche che l’impiego di biocarburanti, laddove sia dimostrata la neutralità dell’emissione, possa contribuire alla decarbonizzaizone dei trasporti e non avrebbe impatto sociale verso chi non può permettersi mezzi elettrici. Dobbiamo guardare anche al nucleare di nuova generazione, più efficiente e sicura, che in questo momento è in fase di sperimentazione”.

Sul binomio sviluppo del mercato e innovazione, che insieme alla sostenibilità rappresenta uno dei fronti principali per assicurare un futuro ai giovani e al paese in generale, ha voluto approfondire Valentino Valentini, viceministro delle imprese e del made in Italy nel governo Meloni: “La transizione digitale verde ci pone davanti a nuove sfide che spesso richiedono un buon grado di creatività per affrontarle. Bisogna pensare fuori dagli schemi, spingerci oltre ciò che conosciamo per individuare soluzioni ed idee originali ai problemi che ci vengono posti. Ed è proprio lì che nasce l’innovazione. In questo processo di costante rigenerazione economica, sociale, di pensiero, sono le giovani menti a giocare un ruolo chiave. Fortunatamente in Italia abbiamo un ecosistema dell’innovazione popolato anche da numerosi giovani; da oltre 10 anni il nostro paese si è dotato di una disciplina organica diretta agli innovatori, finalizzata alla crescita e sviluppo di imprese innovative. 14 mila sono le startup italiane, il 7% creato da giovani, ma innovare richiede risorse ed investimento ed è compito delle istituzioni incentivare le imprese nel rinnovamento. Il mio ministero considera l’innovazione la massima espressione del Made in Italy. È importante per il business anche la deposizione di brevetti. Nel 2022 gli italiani hanno presentato 4.864 domande di brevetto, quasi un record che appartiene al 2021, l’auspicio è superare le 5 mila domande e riuscire ad eguagliare e superare i nostri colleghi europei”.

Sui giovanissimi e il loro rapporto con l’innovazione si è concentrato l’intervento della sottosegretaria di Stato al Ministero dell'istruzione, Paola Frassinetti, che ha detto: “Seguo prioritariamente e personalmente la mia delega relativa alla digitalizzazione, innovazione nella scuola, e l'attuazione del PNSD, piano nazionale scuola digitale, nel convincimento che l'obiettivo delle tecnologie digitali sia quello di contribuire a un costante miglioramento dell’esperienza educativa e degli esiti di apprendimento degli studenti, nonché sostenere il successo formativo e, quindi, qualificare il servizio scolastico. L'aggiornamento del PNSD seguirà un percorso che vedrà coinvolti paesi stranieri perché sia anche la comunità internazionale a fare da catalizzatore per l’elaborazione di politiche innovative, supportare la contaminazione degli istituti scolastici alle nuove sfide educative, con speciale accento a quelle derivanti dall’Intelligenza Artificiale. Il mondo dell'impresa non potrà che giovarsi di questa sfida digitale che la scuola sta vincendo”. “Siamo lieti dell’importante successo di pubblico e contenuti della seconda edizione dello Young Innovator Business Forum di Milano - ha detto Gabriele Ferrieri, presidente dell’ANGI - Davvero importante la presenza anche delle istituzioni e delle grandi aziende per evidenziare i punti di forza e di crescita del nostro ecosistema Paese all’insegna degli investimenti sul digitale e sulla sostenibilità. Oggi abbiamo sottoscritto un vero e proprio patto per l'Italia - ha continuato Ferrieri - con l'obiettivo di promuovere e rilanciare l’ecosistema economico industriale italiano anche al fianco delle più importanti organizzazioni sia istituzionali che del mondo delle imprese e direttamente dalla testimonianza dei più importanti opinion leader del mondo delle corporate e delle startup”. Anche molte aziende sono state protagoniste del dibattito. Tra queste, per A2A, Renato Mazzoncini, amministratore delegato, e Patrick Oungre, Group Head of Innovation, CVC and Digital Hub dell’azienda, hanno parlato della nuova frontiera tecnologica della smart energy insieme a Massimo Nordio, Vice President Group Government Relations Volkswagen Group Italia S.p.a. Giovanni Lionetti, CEO di Swag, ha parlato invece di nuovi trend tecnologici trasversali come quelli relativi al mondo Blockchain e Crypto. Heike Prinz, Head of Pharma Commercial Operations EMEA, Bayer AG e Arianna Gregis, Country Division Head Pharmaceuticals Bayer Italy, hanno invece discusso nel panel “Innovazione & Partnership: le nuove frontiere della Digital Health”. Di formazione, sicurezza e investimenti e cooperazione internazionale si è parlato con Tommaso Saso, Direttore Marketing e R.E. UniMarconi e con Pierguido Iezzi, Cybersecurity Director and CEO at Swascan; di mobilità con Vittorio Gattari, Senior Public Policy Manager di Dott e Matteo Cioffi, General Manager di Lime, mentre di sostenibilità con Gianluca Copparoni, Ceo Value Promo Srl.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ANGI, Young Innovators Business Forum: siglato patto tra istituzioni, innovatori e grandi imprese per il rilancio dell’Italia

MilanoToday è in caricamento